Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Medicina generale   Pneumologia   Salute e benessere  

BOOM DELLE SIGARETTE ELETTRONICHE!

MA SI PUÒ FUMARE OVUNQUE?


La sigaretta elettronica è un dispositivo che simula la classica sigaretta e gli altri prodotti tradizionali per inalare fumo; ciò che si aspira con questo sostituto è vapore acqueo derivato da una soluzione in cui, in alcuni aromi, può essere presente, in quantità variabili, anche la nicotina. In quest’ultimo caso, ossia se nei liquidi c’è un minimo di nicotina, l’assenza di combustione e quindi di residui come il catrame, rendono la sigaretta elettronica preferibile alle sigarette normali.  E questo è quello che molti già sanno… ma molti forse non sono a conoscenza del fatto che essa non si può utilizzare in qualsiasi luogo.

I dubbi in merito sono ancora molti, non è infatti chiaro quali siano i divieti tassativi e quali siano i luoghi dove non si può fumare la sigaretta elettronica e il dibattito resta acceso. Ma cerchiamo di capire adesso come funziona la normativa vigente e quali sono le informazioni più giuste a riguardo.

Attualmente non esistono vere e proprie regole a cui attenersi se si intende fumare la sigaretta elettronica nei luoghi pubblici. Spesso gli interessati si rivolgono al numero verde dell’Istituto Superiore di Sanità senza ottenere informazioni chiare a riguardo. L’unica cosa certa è che in assenza di una vera e propria normativa, sarebbe comunque consigliabile non fumare in presenza di altre persone, quindi  in luoghi pubblici e affollati.

Sigaretta elettronica: luoghi dove non si può fumare

Non esiste ancora un autentico veto da parte della legge ma sia Alitalia che Trenitalia  hanno espressamente vietato l’utilizzo di questo congegno sui loro mezzi.  Non è prevista una sanzione ma un semplice invito a rispettare tale provvedimento. Anche alcuni comuni italiani si sono attivati in tal senso vietando di fumarla in luoghi pubblici come asili, scuole e locali. Molti bar infatti chiedono alla propria clientela di evitare l’emissione del vapore, in alcuni casi aromatizzato, perché questo potrebbe comunque dar fastidio a chi si trova accanto. Stessa cosa accade nei cinema che hanno apposto dei cartelli nelle sale: il vapore potrebbe limitare la visibilità e creare fastidio durante la proiezione del film.

A fine maggio 2013, è prevista la decisione che stabilirà i luoghi dove sarà possibile fumare la sigaretta elettronica; aspettiamo quindi che il Ministero della Salute, in collaborazione con l’Iss, dia delle direttive più precise.

Fonte : Informasalute

Social
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico