Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Medicina generale   Salute e benessere   Scienza dell'alimentazione  

DIETA E SALUTE

Dott. Pietro Gasparoni - Endocrinologo
Dott. Pietro GASPARONI
 22 Febbraio 2012

RISCHIO DI MENOPAUSA PRECOCE


Attività fisica intensa ed assunzione di acidi grassi polinsaturi sono associati a una più precoce insorgenza di menopausa. Lo rivela uno studio condotto in Giappone su 3.115 donne in premenopausa (età: 35-56 anni) da Chisato Nagata, dell'università di Gifu. L'attività fisica è stata stimata al basale tramite un questionario validato, con calcolo dell'equivalente punteggio metabolico. Le assunzioni di alimenti con la dieta sono state misurate anch'esse al basale mediante un questionario validato sulla frequenza dei pasti e aggiustato sulla energia totale. Lo stato menopausale è stato definito dall'assenza di mestruazioni per 12 mesi o più. Mediante modello di rischio proporzionale di Cox si è valutato l'hazard ratio della comparsa di menopausa dopo correzione per età, parità, indice di massa corporea, fumo, grado di istruzione, irregolarità mestruali. A un follow-up di 10 anni, 1.790 donne sono andate incontro a menopausa naturale. Un elevato livello di attività fisica e un alto consumo di grassi polinsaturi sono apparsi moderatamente ma significativamente associati a un inizio più precoce della menopausa; considerando l'attività fisica, l'hazard ratio del quartile più alto verso il più basso è risultato di 1,17, mentre lo stesso rapporto in relazione agli acidi grassi polinsaturi si è attestato a 1,15. Nessun altro degli alimenti analizzati, potenzialmente correlati ai livelli degli estrogeni endogeni (grassi totali, altri tipi di lipidi, fibre alimentari, isoflavoni della soia, alcol) è apparso associato all'insorgenza della menopausa.

 

 

Social
Dott. Pietro Gasparoni - Endocrinologo
Hai bisogno di un consulto in
Endocrinologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Pietro GASPARONI    
Altro dal blog
Come cambia il metabolismo della donna in questa fase della sua vita
La diminuita produzione di estrogeni favorisce irritabilità, ansia, tendenza al pianto, insonnia, vampate di calore, palpitazioni, sbalzi di pressione e vertigini
La fine del ciclo mestruale comporta una serie di cambiamenti fisici e psichici
Questi episodi possono creare ansia e preoccupazione nelle donne che ne soffrono
Tra la popolazione femminile trevigiana, supera il 50% quella in età di menopausa e sono più di 74 mila le donne che la stanno attraversando
Il primo passo è individuare la tipologia di problematica.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico