Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Paure e dubbi sulla fecondazione assistita

Dott. Andrea Borini - Procreazione Assistita a Treviso
Dott. Andrea BORINI
 29 Luglio 2020

Paure e dubbi sulla fecondazione assistita - Dott. Andrea Borini

Bombardamento ormonale, impotenza, cagionevolezza dei nati: quali sono le paure più grandi delle coppie che hanno difficoltà ad avere un bimbo?

Quando il bimbo che desideriamo non arriva, la fecondazione assistita può venire in nostro aiuto. Tuttavia, è normale avere dubbi sulla strada da seguire e preoccuparsi delle conseguenze che il cammino verso la genitorialità potrebbe com portare. È opportuno affrontare questi interrogativi ed è importante rivolgersi a chi può aiutarci a capire quali sono le vere difficoltà e quali invece sono solo luoghi comuni infondati.

Dott. Borini, quali sono le principali paure delle coppie che affrontano il cammino della fecondazione assistita?
Da 30 anni lavoro stando al fianco delle coppie nella ricerca di una gravidanza e devo dire che nel tempo alcune si sono ridotte. La procreazione assistita non è più considerata fantascienza, ma una strada percorribile, se necessario, dalle coppie in cerca di un bimbo. Altre, invece, sono sempre lì, a pesare sul cammino già difficile di queste coppie verso la genitorialità.

Di cosa hanno più paura i futuri padri?
Gli uomini, più spesso, hanno paure legate alla sfera psicologica, alla correlazione quasi automatica, per quanto errata, tra potenza sessuale e fertilità. Si preoccupano soprattutto, però, per le conseguenze che possono esserci per le loro compagne.

A cosa pensano principalmente le future madri?
La paura maggiore è sempre stata e resterà sempre, forse, quella dell'andare incontro al cosiddetto bombardamento ormonale. Ma le terapie e i protocolli che le pazienti seguono oggi hanno avuto un’evoluzione tale da permetterci di modulare in modo efficace ed efficiente la stimolazione ormonale necessaria alla preparazione ed alla realizzazione dei trattamenti di fecondazione, salvaguardando il benessere e la salute della paziente e riducendo al minimo possibile l'impatto della terapia. Non esiste alcuna correlazione provata scientificamente tra maggiori rischi di insorgenza di patologie, in particolare di neoplasie, e l'essersi sottoposte a terapie per la fertilità e a cicli di fecondazione assistita. Nonostante la comunità scientifica stia naturalmente continuando ad indagare sul tema, al momento sappiamo che grazie alla PMA e al congelamento preventivo di gameti e di tessuto ovarico e/o uterino siamo riusciti a raggiungere il risultato di rendere madri donne che avevano avuto in passato patologie neoplastiche.


Parlando dei bambini, è vero che i nati con la Procreazione Medicalmente assistita sono più cagionevoli?
Un embrione è un embrione ed il fatto che si formi nel corpo di una donna o in un laboratorio non cambia nulla. I bambini nati da PMA sono quindi esattamente identici a quelli concepiti naturalmente. Non vi sono evidenze scientifiche di aumenti di patologie o malformazioni nei nati da trattamenti di fecondazione assistita, nonostante la scienza continui giustamente a studiare e ad approfondire. L’unico piccolo incremento riscontrato è legato alle problematiche della sfera urogenitale per bambini maschi che nascono da padri con gravissime alterazioni della produzione di spermatozoi: questo però è legato alla probabile origine genetica di questo tipo di problema, non ai trattamenti di fecondazione in vitro, non ai trattamenti di fecondazione assisitita.
 

I bambini nati da PMA sono identici a quelli concepiti naturalmente, non sono maggiormente esposti a malattie

Social
Dott. Andrea Borini - Procreazione Assistita a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Ginecologia - Ostetricia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Andrea BORINI    
Altro dal blog
Nonostante il Covid, il 2020 si chiude con 150 cicli di Pma per l’equipe del dottor Francesco Tomei, con una percentuale di successo del 37.6%
Appuntamento annuale scientifico dedicato alla medicina della riproduzione - PMA
Tutto quello che la coppia deve sapere quando decide di intraprendere il percorso di procreazione medicalmente assistita
Una regolare attività fisica aiuta nel caso di procreazione medicalmente assistita
Come influisce l’età materna sulle possibilità diavere figli? Quali possibilità offre oggi la scienza a chi affronta ‘tardi’ il tema della genitorialità?
Cosa è cambiato nel mondo della procreazione medicalmente assistita da quando è nata Louise Joy Brown, la prima ‘figlia della provetta’?
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico