Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Fumo e obesità sono nemici dell’erezione

Dott. Andrea Militello - Urologo
Dott. Andrea MILITELLO
 02 Marzo 2020

Fumo e obesità sono nemici dell’erezione - Dott. Andrea Militello

L’ecocolordoppler basale e dinamico del pene lo conferma

La disfunzione erettile (DE) è stata collegata ai fattori di rischio della malattia coronarica come sindrome metabolica, ipertensione, diabete, fumo, obesità e dislipidemia.

Un recente studio ha voluto indagare e documentare di quanto sia importante l'influenza del fumo e dell'obesità sull'emodinamica del pene nei pazienti con disfunzione erettile. Questo studio prospettico è stato condotto su 130 pazienti di età superiore a 40 anni e affetti da DE per oltre 6 mesi. 

I pazienti selezionati sono stati divisi in quattro gruppi: gruppo 1 (non fumatori/non obesi) N=36, gruppo 2 (non fumatori/obesi) N=30, gruppo 3 (fumatori/non obesi) N=34, gruppo 4 (fumatori e obeso) N=30.

Altri fattori di rischio per DE sono stati esclusi ad eccezione della dislipidemia. Tutti i pazienti sono stati sottoposti all'anamnesi personale, all'anamnesi sessuale, all'anamnesi di patologie o operazioni mediche, alla valutazione della funzione erettile mediante un IIEF-5 abbreviato.

È stata eseguita la misurazione di BMI, profilo lipidico a digiuno, glicemia, testosterone, prolattina e PSA. L'emodinamica del pene è stata valutata utilizzando l'iniezione intracavernosa di Bimix 1 cc (papaverina+fentolamina) e l’ecocolordoppler basale e dinamico dei corpi cavernosi del pene che misura la velocità sistolica di picco (PSV), la velocità diastolica di fine (EDV), l'indice resistivo (RI) ed il diametro dell'arteria cavernosa prima e dopo l'iniezione .

 

RISULTATI
Le età medie del gruppo 1, gruppo 2, gruppo 3 e gruppo 4 erano 50,92 ± 6,52, 55,20 ± 7,18, 50,88 ± 7,66 e 52,30 ± 7,61, rispettivamente, senza statisticamente significativo (p = 0,341). Una differenza statisticamente significativa osservata tra il valore medio di PSV tra il gruppo 1 e tutti gli altri gruppi su entrambi i lati e tra il gruppo 3 e 4. Inoltre, i risultati hanno registrato una differenza statisticamente significativa tra il valore medio di EDV e RI tra il gruppo 1 e tutti gli altri gruppi su entrambi i lati. Per quanto riguarda la variazione del diametro dell'arteria cavernosa dopo l'ICI, si è osservata una differenza significativa tra i seguenti gruppi 1 e 4, 3 e 4 su entrambi i lati e tra i gruppi 1 e 2 solo sul lato destro. C'era una differenza statisticamente significativa tra i gruppi di studio per quanto riguarda la risposta del paziente all'ICI (valore p 0.000). È stata registrata una correlazione negativa significativa tra BMI e testosterone totale (p = 0,001). Per quanto riguarda il valore medio del testosterone, è stata osservata una differenza significativa tra i diversi quattro gruppi (p = 0,002). E una differenza statisticamente significativa è stata riportata tra il gruppo 1 e il gruppo 2 (p = 0,004) e il gruppo 2 e il gruppo 3 (p = 0,007).

CONCLUSIONE
Sia il fumo che l'IMC sono forti fattori di rischio per la disfunzione erettile e influenzano la risposta all’iniezione del farmaco ed alla risposta dell’ecocolordoppler del pene (PSV, EDV, RI). Il fumo e la sindrome metabolica insieme causano un maggiore deterioramento dei parametri dell’ecografia del pene e la risposta alla somministrazione del farmaco. 

Social
Dott. Andrea Militello - Urologo
Hai bisogno di un consulto in
Urologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Andrea MILITELLO    
Altro dal blog
Ultime novità sui trattamenti di alcune delle più frequenti patologie maschili
Un interessante articolo della European Society of Sexual Medicine (ESSM) affronta in maniera approfondita l’argomento
Dal pene di legno agli attuali accessi mini invasivi con protesi idrauliche
L'ossido nitrico corre in aiuto degli uomini che hanno difficoltà ad avere un'erezione.
È stata condotta una ricerca in letteratura per identificare studi rilevanti su apnea ostruttiva del sonno e terapia sostitutiva con testosterone.
Livelli non ottimali di testosterone possono causare infertilità e irregolarità nel comportamento sessuale nei giovani adulti
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico