MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Salute e benessere   Tecnologia  

Artrosi del ginocchio: la protesi moderna in artroscopia in assenza di taglio chirurgico a conservazione anatomica

Dott. Filippo Cardillo - Ortopedico
Dott. Filippo CARDILLO
 20 Maggio 2020

Artrosi del ginocchio: la protesi moderna in artroscopia - Dott. Filippo Cardillo

Le protesi Hemicap permettono una ripresa più rapida dopo l’intervento in artroscopia.

La gonartrosi, o artrosi del ginocchio, è una malattia degenerativa caratterizzata dalla progressiva usura della cartilagine articolare che riveste le superfici delle ossa e che permette il loro scorrimento.

Dottore, esistono diverse tipologie di gonartrosi?
Sì, si definisce “primitiva” quando compare dopo i 55 anni di età, “secondaria” quando è conseguente a varie patologie, come deformazioni articolari o conseguenze post-traumatiche, infettive o reumatiche.

Quali sono i principali sintomi?
Dolore durante la deambulazione, soprattutto nel salire o scendere le scale. La diagnosi viene eseguita con una semplice radiografia ed approfondita con esame TAC o risonanza magnetica.

Qual è la terapia da seguire?
In fase iniziale si somministrano anti-infiammatori, in particolar modo condroprotettori ad azione antalgica e con processo di protezione della cartilagine. Nei pazienti in sovrappeso è di fondamentale importanza il calo ponderale. Nei casi dove vi sono già sintomi maggiori di dolore, con iniziale fissurazioni cartilaginee, può essere indicata la terapia infiltrativa con acido ialuronico o PRP: nel primo caso si inietta all’interno del ginocchio acido ialuronico che permette di ristabilire la normale quantità dello stesso nell’articolazione artrosica, migliorandone il movimento e la funzionalit. L’infiltrazione con PRP (plasma arricchito di piastrine) apporta all’articolazione fattori di crescita e mediatori in grado di migliorare l’ambiente articolare e di favorire la rigenerazione tessutale. Le protesi Hemicap permettono una ripresa più rapida dopo l’intervento in artroscopia. 

In quali casi invece occorre ricorrere alla protesi?
L’intervento di protesi di ginocchio è indicato lì dove il trattamento farmacologico o fisioterapico non è più sufficiente a stabilire un quadro di vita ottimale, dove l’articolarità risulta deformata portando il paziente ad un arresto della deambulazione o a dolore continuo anche a riposo.

In cosa consiste l’intervento?
I tessuti cartilagineo e quello osseo immediatamente sottostante vengono rivestiti con componenti in plastica e metallo. Tradizionalmente era possibile eseguire soltanto l’intervento di artroprotesi totale in cui i tre compartimenti (femoro-tibiale mediale e laterale e femoro-rotuleo) venivano protesizzati. Tuttavia frequentemente l’artrosi interessa prevalentemente solo uno dei tre compartimenti, pertanto sono state sviluppate tecniche chirurgiche che prevedono la protesizzazione isolata del compartimento coinvolto.

Come decide la protesi da impiantare?
Valutando attentamente ogni singolo caso a seconda della gravità, in maniera che l’intervento chirurgico risulti meno invasivo e risolutivo nel minor tempo possibile.


Quali sono i diversi tipi di protesi?
La protesi totale, formata da componenti di metallo che sostituiscono i condili femorali ed il piatto tibiale, ed uno spessore in polietilene interposto tra queste per favorirne lo scorrimento. Quella monocompartimentale, invece, viene utilizzata nel caso un solo compartimento articolare mediale o laterale sia usurato: si tratta quindi di un intervento meno invasivo rispetto alla protesi totale con un recupero più rapido nel post-operatorio. In quest’ultimo caso impiego le protesi Hemicap, arthrosurface, dove solo la componente metallica riveste la parte di condilo artrosica o osteocondrosica.

Come esegue l’intervento con protesi Hemicap?
In artroscopia, che sta registrando risultati eccellenti poiché c’è un risparmio totale delle componenti ossee ed un ripristino immediato dell’articolazione e della funzionalità del ginocchio, con ritorno ad una vita regolare pressoché immediata.

Quali sono i vantaggi?
Sono molteplici, come la conservazione anatomica totale del ginocchio, l’assenza di incisione chirurgica (circa 2/3 cm), il dolore ed il rigonfiamento sono meno traumatici, il recupero è molto più rapido, con deambulazione nelle 24 ore successive l’intervento, ed il ritorno ad una vita regolare in 2/3 settimane.

Quanto durano queste protesi?
Le mini protesi Hemicap possono durare dai 25 ai 30 anni, anche se la durata è soggettiva e dipende dal paziente e dalle condizioni di sclerosi e usura periprotesiche.

Social
Dott. Filippo Cardillo - Ortopedico
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Filippo CARDILLO    
Altro dal blog
Il primo requisito di una cura fruttuosa risiede nella corretta messa a fuoco del problema che affligge il paziente.
Ecco quali soluzioni offre la chirurgia.
Studi recenti sembrano dimostrare che la camminata a piedi scalzi sia addirittura benefica per i soggetti affetti da gonartrosi. Sarà vero?
L'artrosi al ginocchio è una malattia degenerativa che può presentarsi in un ginocchio o entrambe le ginocchia. Comporta dolore e rigidità nei movimenti.
Da giovani si può soffrire di una patologia che porta alla degenerazione articolare dell’anca.
Applicata in caso di artrosi al ginocchio, la protesi ha una durata variabile in funzione dell'utilizzo che se ne fa e dalle caratteristiche del soggetto.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 37 | INVERNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico