Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Salute e benessere  

Come curare l’artrosi dell’anca? Tramite l’operazione di protesi con tecnica AMIS

Dott. Francesco Barcaro - Ortopedico
Dott. Francesco BARCARO
 05 Gennaio 2021

Come curare l’artrosi dell’anca? Tramite l’operazione di protesi con tecnica AMIS - Dott. Francesco Barcaro

Oggigiorno è possibile eseguire interventi di chirurgia protesica con tecniche mininvasive

L’artrosi d’anca è una patologia molto frequente, soprattutto dopo i 50 anni, e colpisce prevalentemente il sesso femminile.

Dottore, come mai sono le donne le più colpite dall’artrosi dell’anca?
Per questioni legate alla menopausa ed ai cambiamenti ormonali, che contribuiscono al processo degenerativo. Tre pazienti su quattro sono infatti donne.

Quali sono le principali cause?
Nel 63% dei casi la causa principale è l’artrosi primaria. Altri fattori sono l’età (sopra i 65 anni), l’obesità, caratteristiche genetiche, sovraccarico funzionale e diabete. Ciò che porta all’artrosi secondaria sono le alterazioni dell’asse anatomico (coxa valga o vara), displasia, conflitto femoro-acetabolare, esiti di fratture o lussazioni, necrosi asettiche ed artriti croniche (gotta, artrite reumatoide, emofilia). Questo processo degenerativo produce delle alterazioni dell’articolazione che causano dolore, limitazione della mobilità e peggioramento della qualità di vita.

Come vengono trattate queste patologie?
Il paziente affetto da coxartrosi, dopo gli accertamenti clinici e strumentali, si sottopone a trattamenti fisioterapici, cure mediche, terapie fisiche e infiltrazioni (con acido ialuronico o concentrato piastrinico) e solo alla fine si ricorre alla chirurgia. Affrontare un intervento è sempre impegnativo sia sul piano fisico che psicologico. Il paziente oggi vuole essere attivo, autosufficiente e ritornare il più precocemente possibile al proprio lavoro ed alle attività ludico sportive.


Ci sono delle novità in ambito chirurgico?
Sì, la ricerca ortopedica si è orientata verso una chirurgia con minor invasività: la cosiddetta MIS “chirurgia mininvasiva”.

Quali vantaggi presenta questa nuova tecnica?
Sono innumerevoli, come il risparmio del patrimonio osseo e la conservazione dei tessuti periarticolari (muscoli, vasi e capsula). In Casa di Cura Villa Maria applichiamo questa tecnica mininvasiva con un accesso anteriore: nel post operatorio i pazienti avvertono meno dolore, possono iniziare una rieducazione accelerata, camminano il giorno successivo all’intervento, usano le stampelle a protezione dell’impianto per 20 giorni e possono riprendere l’attività lavorativa e sportiva dopo 45 giorni.

L’accesso anteriore cosa permette di fare?
La chirurgia dell’anca con accesso anteriore mininvasivo non prevede il distacco di tendini e muscoli, comportando una riduzione del dolore postoperatorio, minor perdita di sangue, rapida riabilitazione, assenza di zoppia nel breve e lungo termine, precoce ripresa delle attività quotidiane e, da non sottovalutare soprattutto per la donna, una cicatrice cutanea ridotta. La nostra équipe ha inoltre introdotto l’uso del robot (Mako Stryker) nell’esecuzione di questo tipo di intervento, che ci permette un posizionamento più accurato, una replicazione della naturale anatomia dell’anca ed una maggior preservazione del patrimonio osseo. Tutto ciò si traduce in maggiore sopravvivenza dell’impianto.


La chirurgia dell’anca con accesso anteriore mininvasivo è meno dolorosa, la riabilitazione è più rapida e la cicatrice cutanea è ridotta.

Social
Dott. Francesco Barcaro - Ortopedico
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Francesco BARCARO    
Altro dal blog
Individuare il momento giusto per operarsi incide sul risultato dell'intervento
Ad affettuarlo l’equipe del dottor Davide Bertolini, luminare nella pratica chirurgica con il robot Rio Mako
Tecniche innovative nella chirurgia ortopedica, che consentono eccellenti risultati pur rispettando l'integrità delle strutture.
Facciamo chiarezza sull'argomento insieme al Dott. Davide Ranaldo
La terapia infiltrativa intrarticolare è entrata di prepotenza nelle pratiche cliniche antalgiche più diffuse.
Di facile esecuzione, rapida, precisa e sicura, può essere eseguita al termine dell’ecografia, evitando di dover tornare in ambulatorio in un secondo momento
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 40 | INVERNO 2021
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico