Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Salute e benessere  

Lesioni irreparabili della cuffia dei rotatori: come curarle?

Dott. Marco Capuzzo - Ortopedico a Pordenone, Conegliano, Vittorio Veneto
Dott. Marco CAPUZZO
 21 Aprile 2020

Lesioni irreparabili della cuffia dei rotatori: come curarle? - Dott. Marco Capuzzo

L’intervento chirurgico è indicato per lesioni irreparabili dei tendini posterosuperiori

Il gran dorsale è il muscolo più esteso del corpo umano e, per questo motivo, influisce sui movimenti di spalla e braccio.

Dottore, dov’è localizzato il muscolo gran dorsale?
Parte dall’ascella posteriore all’altezza della linea mediana della schiena per concludersi toccando la porzione posteriore della cresta iliaca sulla pelvi. Le sue ampie dimensioni permettono di suddividere il muscolo in quattro diverse parti: vertebrale, iliaca, costale e scapolare.

Quali sono le sue funzioni?
Il gran dorsale, in virtù della sua localizzazione anatomica tra i muscoli della schiena, possiede diverse funzioni a livello dell’omero, del tronco e della scapola. Con una forma triangolare permette i movimenti di adduzione e rotazione interna del braccio, facendo muovere la spalla inferiormente e posteriormente. Quando viene trasferito diventa un elevatore della spalla ed extrarotatore.

La lesione della cuffia dei rotatori quali conseguente comporta?
La lesione, oltre a causare dolori, penalizza la mobilità del paziente, trovandosi impossibilitato ad effettuare i movimenti di rotazione esterna ed abduzione.

In quale modo si può porvi rimedio?
Tramite il transfer gran dorsale (latissimus dorsi), un intervento chirurgico indicato in soggetti di età compresa tra i 50 ed i 70 anni o attivi sul piano fisico, lavorativo o sportivo, con una lesione irreparabile dei tendini posterosuperiori (sovraspinato e infraspinato) della cuffia. È inoltre necessario che il tendine del sottoscapolare sia integro o riparabile e che non ci siano segni di artrosi della spalla.


Come viene svolto l’intervento?
L’intervento si svolge in anestesia generale associata ad un blocco interscalenico per il controllo del dolore. Il paziente viene posizionato in decubito laterale e la prima parte dell’intervento viene eseguita in artroscopia, così da poter effettuare il trattamento dell’articolazione acromion-claveare, il release capsulare e la preparazione dell’area nella quale verrà inserito il transfer.
Nella seconda parte dell’intervento si effettua il prelievo del tendine del gran dorsale, attraverso l’incisione chirurgica nella regione ascellare. Il tendine viene staccato dalla sua inserzione sull’omero e portato all’interno della spalla, dove viene fissato artroscopicamente con delle ancore.

Post intervento, è necessario un percorso riabilitativo? 
Assolutamente sì! Lo sviluppo di un preciso programma di riabilitazione è fondamentale perla riuscita ottimale dell’intervento chirurgico.

Può farci un esempio di programma?
Nel primo periodo (0-21 giorni) l’arto è immobilizzato con un tutore in abduzione ed il paziente può effettuare solo movimenti passivi della spalla operata. Successivamente si inizia con gli esercizi di recupero:

  • dal 22° giorno postoperatorio vengono eseguiti esercizi per il recupero del movimento attivo della spalla ed inizia un rinforzo isometrico
  • dal 60° si iniziano gli esercizi di rinforzo eccentrico muscolare ed esercizi propriocettivi
  • dal 90° si esegue il rafforzamento dei muscoli del cingolo scapolare, puntando sul recupero della resistenza, della potenza e del controllo neuromuscolare della spalla.

 

La riabilitazione eseguita correttamente permette il recupero della mobilità al 100% con una buona forza nei movimenti

Social
Dott. Marco Capuzzo - Ortopedico a Pordenone, Conegliano, Vittorio Veneto
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Marco CAPUZZO    
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico