MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Otorinolaringoiatria   Salute e benessere  

Disturbi dell’equilibrio? La riabilitazione vestibolare è la “medicina”

Dott. Tiziano Guadagnin - Otorinolaringoiatra
Dott. Tiziano GUADAGNIN
 17 Maggio 2020

Disturbi dell’equilibrio? La riabilitazione vestibolare è la “medicina” - Dott. Tiziano Guadagnin

Migliorare la qualità di vita è possibile rivolgendosi ad un’équipe di professionisti

Il raggiungimento di un miglior livello di salute passa anche attraverso attività che permettono di accorgersi tempestivamente della presenza di un sintomo, di valutarlo e trattarlo, al fine di ridurne i disagi e le limitazioni funzionali.

Dottore, da quali professionisti è formato il suo team?
L’équipe riabilitativa e rieducativa vestibolare è costituita dal vestibologo, da fisioterapisti e laureati in Scienze Motorie.

Qual è lo scopo del lavoro che viene svolto con il paziente?
Mira a stimolare il cervello a riconoscere e processare i segnali che provengono dal sistema vestibolare, correlandoli con le informazioni ricevute dal sistema visivo e propriocettivo. Tutte questo porta ad una riduzione della sintomatologia.

Da cosa dipende il nostro equilibrio?
Dall’interazione di vari organi: orecchio interno, occhio e strutture osteo-muscolari, che trasmettono informazioni sul movimento del corpo e sul suo orientamento nell’ambiente che lo circonda.

Quali sono i sintomi a cui prestare attenzione?
Il capogiro è una delle prime motivazioni che spinge le persone con più di sessantacinque anni ad andare dal medico. Vanno inoltre considerati primariamente, oltre a vertigini e capogiri, i disturbi della marcia (instabilità, barcollamenti, atassia), nausea, vomito, tachicardia, sudorazione, offuscamento della vista, mal di testa e parestesie agli arti.


A quali patologie possono essere ricondotti questi sintomi?
Le patologie più frequenti possono essere la malattia di Meniere, la vertigine posizionale parossistica benigna, le labirintiti, le infezioni, i traumi (ad esempio incidenti), l’artrosi cervicale, l’ansia, i disturbi psicologici e le malattie neurologiche.

Qual è il percorso riabilitativo e rieducativo da seguire?
In primis, occorre svolgere una serie di valutazioni:

  • otofunzionale e otoneurologica da parte del vestibologo;
  • test per misurare le oscillazioni postu- rali in posizione statica e la distribuzio- ne del carico sugli arti inferiori;
  • valutazione funzionale vestibolare con l’applicazione della scala di Berg, TUG, 6 Minute Walking test, analisi delle limi- tazioni e delle capacità residue secondo l’ICF.


Si può quindi affermare che è un vero e proprio lavoro di squadra?
Sì, fra i vari operatori dell’équipe c’è un lavoro sinergico ed un aggiornamento continuo, che permette di modulare costantemente le metodiche riabilitative da proporre al paziente.

In cosa consiste il trattamento?
Il trattamento, oltre che farmacologico, è sopratutto riabilitativo-rieducativo al fine di recuperare le funzioni alterate attraverso attività di adattamento e di compenso. Per queste motivazioni, il processo terapeutico passa attraverso l’apprendimento da parte del paziente di esercizi fondamentali per contrastare la sintomatologia.
 

Lavorare con un’équipe strutturata permette al paziente di essere in un contesto conosciuto, con operatori che lo guidano e lo seguono con percorsi personalizzati.



LA NOSTRA ÉQUIPE
Dott. Tiziano Guadagnin - Otorinolaringoiatra
Arianna Vendramin - Fisioterapista
Elena Brunello - Scienze Motorie
Veronica Gorghetto - Scienze Motorie 
Daniele Berto - Fisioterapista

Social
Altro dal blog
Vertigini e disturbi dell'equilibrio in generale sono molto frequenti: il medico vestibologo si occupa di indagare sulla sintomatologia, che può presentarsi differente da persona a persona.
L'indagine posturale oggi si avvale di tecnologie che danno risposte su misura del paziente.
Un approccio multidisciplinare consente di rieducare il corpo facendo ritrovare il benessere fisico e psichico.
L’alimentazione può influire sulla patologia emorroidaria
La dieta chetogenica ipocalorica (VLCKD) è indicata per persone in sovrappeso e diabetici.
Ridurre le dimensioni del seno per riacquisire maggiore funzionalità ed armoniosità estetica
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 37 | INVERNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico