MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Radiodiagnostica   Salute e benessere   Tecnologia  

Ecografia mammaria: come, quando e perchè

Di: Dott. Mario DUATI

Ecografia mammaria: come, quando e perchè

La diagnosi precoce del tumore mammario e le nuove terapie hanno permesso di ridurne la mortalità, con una sopravvivenza dell’87% a cinque anni dalla diagnosi e dell’80% a dieci anni.

L’incidenza del tumore mammario è di 51.000 nuovi casi ogni anno in Italia (di cui 500 interessano il sesso maschile). Colpisce 1 donna su 8 e nella popolazione femminile rappresenta il 28% di tutti i tumori. Attualmente non è possibile una  prevenzione primaria per il carcinoma della mammella (cioè un’azione sulla causa che lo determina, non essendo nella gran parte dei casi nota).
 

Cos'è l’ecografia mammaria 

È un esame diagnostico non invasivo, indolore e privo di effetti collaterali. Questa indagine utilizza gli ultrasuoni (onde sonore ad alta frequenza, innocue per il corpo umano) per poter studiare la ghiandola mammaria ed è in grado di rilevare molto spesso la presenza di alterazioni patologiche, come formazioni cistiche, addensamenti o noduli, etc. 

Inoltre alcuni accorgimenti tecnologici come il color doppler e l’elastosonografia permettono di valutare ulteriori caratteristiche della lesione come vascolarizzazione e comprimibilità.

 

Come si esegue l’esame 

Per eseguire l’esame, la paziente viene invitata a sdraiarsi su un lettino ed a portare le braccia sopra la testa. Il medico stende uno strato di gel trasparente sulla pelle della mammella, che permette la trasmissione degli ultrasuoni, e poi passa sulla cute una sonda collegata all’ecografo. L’esame dura circa 10-20 minuti e non ha nessuna controindicazioni nemmeno quando si tratti di persone che si trovano in una situazione di particolare sensibilità (come è il caso, ad esempio, delle donne in gravidanza).



 

Quando si esegue questo esame diagnostico 

Per le donne sotto i 40 anni non esiste uno specifico protocollo di utilizzo, ma sarebbe consigliabile controllare periodicamente il seno con l’autopalpazione e con visite senologiche integrate dall’esame ecografico, una volta ogni 12-18 mesi a partire dai 30 anni. Anche le donne più giovani dovrebbero seguire questa procedura qualora ci sia il riscontro di anomalie alla palpazione, o in presenza di patologia infiammatoria (arrossamento e dolore) o in presenza di secrezione monolaterale spontanea, ematica o siero ematica, mono-orifiziale dal capezzolo (nel caso di secrezioni è comunque necessaria anche una valutazione citologica del secreto). 

Lo scopo dell’ecografia è in questi casi di identificare lesioni palpabili e non palpabili e caratterizzare  lesione solida o liquida, margini della lesione, eco struttura, vascolarizzazione, etc.

Dopo i 40 anni, per il modificarsi della struttura della mammella, l’esame di prima scelta diventa la mammografia, ma l’ecografia rimane un irrinunciabile esame complementare, in particolare per meglio comprendere eventuali anomalie alla mammografia o in presenza di un seno denso e per indagare le porzioni di mammella non raggiungibili dalla mammografia. L’esame ecografico della mammella permette inoltre anche un accurato studio di eventuali alterazioni linfonodali ai cavi ascellari o alla catena mammaria interna e di valutare, con una discreta accuratezza, eventuali impianti protesici.

 

Qual è il ruolo dell’ecografia mammaria in caso di reperti dubbi

Consente di effettuare un prelievo (eco-guidato) citologico o micro-istologico per porre una diagnosi definitiva ed in certi casi, se necessita, permette anche il posizionamento di “reperi metallici” che possono guidare il chirurgo su una lesione circoscritta permettendo un intervento più preciso e meno demolitivo.

Dott. Mario Duati - radiologo senologico a Conegliano, San Donà di Piave e Padova
Hai bisogno di un consulto in
Radiodiagnostica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Mario DUATI    
Altro dal blog
Senza rischi per il paziente, consente di stabilire la situazione dell’osso mascellare e della mandibola prima di procedere ad un intervento chirurgico, ad esempio nell'implantologia.
La densitometria ossea, con una dose minima di raggi X, è in grado di confermare un eventuale dubbio diagnostico di fragilità ossea.
Il 23 settembre è stato annunciato un ulteriore ampliamento che porterà, nel giro di pochi anni, a poter offrire alla cittadinanza padovana un centro di ortopedia da 13mila metri quadri.
Taglio del nastro sabato 23 settembre nella storica sede di Padova. Tra le novità: il nuovo reparto di riabilitazione e la mammografia con tomosintesi.
Al via il “Tour della Prevenzione”, una serie di incontri gratuiti, in cui gli specialisti del Centro di medicina presenteranno buone norme per prevenire alcune malattie tra le più diffuse.
Si stima un incremento dell'accuratezza complessiva della tomositesi del 15% rispetto alla mammografia tradizionale, intesa come singola indagine di raffronto.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico