MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Oncologia   Salute e benessere  

Fondazione Foresta Onlus: campagna di prevenzione per tumori al testicolo, osteoporosi e HIV

Fondazione Foresta Onlus prevenzione uomo

Padova all'insegna della prevenzione dell'uomo

Padova all’insegna della prevenzione grazie alle iniziative della Fondazione Foresta Onlus e la Coldiretti. Domenica 28 aprile in Prato della Valle in occasione della Maratona di Sant’Antonio, lo screening del tumore al testicolo e la possibilità di prenotare anche lo screening gratuito per l’osteoporosi. Testimonial di domenica: Paolo Venturini, il “maratoneta dei ghiacci”, Venanzio Ortis, olimpionico di anni 80 e Barry Mason di Radio Padova

Continua con successo di partecipazione le campagne di prevenzione del tumore al testicolo “Uova senza sorprese” e dell’osteoporosi “Non mollare l’osso” organizzate dalla Fondazione Foresta Onlus di Padova diretta dal Professor Carlo Foresta. Le iniziative coinvolgono, oltre che le istituzioni del territorio, anche la Coldiretti, ed è infatti proprio nei mercati di Campagna Amica che è partito l’intenso “tour” di prevenzione e informazione. 

Dopo le prime date padovane in Piazza Cavour il 13 aprile, il 14 in Prato della Valle, e a Piazzola sul Brenta giovedì 25 aprile all’Aperyshow Charity Event, il famoso evento musicale di beneficenza, domenica 28 aprile l'ambulatorio mobile si è spostato in Prato della Valle, in occasione della Maratona di Sant’Antonio, dove è stato possibile effettuare uno screening del tumore al testicolo e prenotare inoltre uno screening per l’osteoporosi presso la sede della Fondazione, mentre gli imprenditori di Coldiretti Giovani Impresa hanno donato agli atleti le uova sode da galline allevate a terra nell’azienda Lago di Cittadella, le confezioni di uova dell Azienda Luovo di Belluno e gli yogurt dell’azienda Mungi e Bevi di San Giorgio Bosco, insieme ai consigli utili sulla corretta prevenzione della malattia.

“L’osteoporosi non è un problema solo femminile – afferma il professore Foresta - ma rappresenta un’emergenza clinica anche per il maschio, dopo i 50 anni un uomo su cinque ne risulta essere affetto. Attraverso la campagna “Non mollare l’osso” cerchiamo di sensibilizzare il genere maschile che purtroppo è il meno incline alla prevenzione e ai controlli medici. Secondo le statistiche, a causa di questo problema culturale, l’uomo muore cinque anni prima della donna”. L’uomo è il vero sesso debole in materia di salute ossea: in Italia almeno 1.500.000 maschi adulti sono affetti da questa malattia, mentre nel Veneto si registrano ben 6000 fratture di femore all’anno. “E’ quindi fondamentale concentrare le proprie energie sulla prevenzione – conclude Foresta - perché negli uomini l’osteoporosi non viene diagnosticata né trattata”. 



Domenica a fare da testimonial a queste importanti iniziative sono stati tre ospiti speciali: Paolo Venturini, il “maratoneta dei ghiacciai”, Venanzio Ortis, olimpionico di ottant’anni e Barry Mason, voce di Radio Padova, che oltre a correre la maratona, hanno dato il loro contributo nella diffusione del verbo della prevenzione. 

LA PREVENZIONE Come parte del “Progetto di Prevenzione Andrologica permanente” negli istituti superiori della provincia di Padova, la Fondazione Foresta in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova, il settore Servizi Sociali del Comune di Padova e l’Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, negli ultimi anni ha già dato la possibilità a più di diecimila studenti di eseguire visite su base volontaria che hanno portato alla diagnosi di 9 casi di tumore del testicolo nei giovani studenti del territorio padovano. 

Informazioni al numero verde 800 100 123



Comunicato stampa Fondazione Foresta Onlus
Social
Altro dal blog
Attivo il lunedì, mercoledì e anche il sabato con e senza appuntamento. Si effettuano tutti quegli esami di routine che hanno un costo simile al ticket
Lo stato del welfare in Italia e le prospettive per il futuro.
Al via il “Tour della Prevenzione”, una serie di incontri gratuiti, in cui gli specialisti del Centro di medicina presenteranno buone norme per prevenire alcune malattie tra le più diffuse.
Un'apparecchiatura che rappresenta oggi l'avanguardia nella diagnosi precoce del tumore al seno: è la seconda generazione della tomosintesi
I sintomi da non sottovalutare
La densitometria ossea, con una dose minima di raggi X, è in grado di confermare un eventuale dubbio diagnostico di fragilità ossea.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico