Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Fitoterapia-omeopatia-agopuntura   Gastroenterologia   Salute e benessere   Scienza dell'alimentazione  

GASTROENTEROLOGIA

MALATTIE INFIAMMATORIE DELL'INTESTINO


Il numero maggiore di diagnosi relative a questi disturbi è dovuto, almeno in parte, al miglioramento delle tecniche diagnostiche, ma ciò che preoccupa davvero gli esperti è il dato relativo al progressivo abbassamento dell’età dei pazienti. In particolare la malattia di Crohn colpisce persone sempre più giovani ed è caratterizzata da sintomi molto complessi e spesso di difficile interpretazione. Le cause? Il fattore ereditario può contribuire a spiegare solo un 5-10 per cento dei casi e che i progressi compiuti dalla scienza negli ultimi anni hanno permesso di individuare un gran numero di geni potenzialmente responsabili di questo disturbo. I prossimi passi saranno quelli di cercare di limitare il campo di studio a un manipolo di geni davvero coinvolti. Nessuno studio fino ad oggi ha dimostrato che il cibo può scatenare queste malattie o provocare delle recidive e invita al buon senso quando si tratta di fare delle scelte in materia di alimentazione: nella fase attiva della malattia è meglio evitare latticini, frutta e verdura, ma per il resto del tempo si può mangiare di tutto seguendo i consigli del proprio medico. Se un paziente ha un morbo di Crohn che tende a provocare restringimento dell’intestino, allora sarebbe meglio evitare le fibre, e allo stesso modo si dovrebbe prestare attenzione all’eventuale malassorbimento del lattosio, circostanza piuttosto frequente in questo tipo di pazienti.

 

 

Social
Altro dal blog
L’incontro aperto al pubblico si terrà venerdì 16 novembre nell’Aula Magna scuola media “Manzoni”: interverranno gli specialisti Alessandro Targhetta omeopata, nutrizionista e Ilaria Romano dermatologa
La sindrome dell'intestino irritabile si combatte a tavola: la dieta FODMAP ci guida a un'alimentazione in grado di alleviare i sintomi gastrointestinali.
Quando la stipsi è causata da patologie come rettocele o prolasso rettale interno, è necessario ricorrere all'intervento chirurgico.
Esistono diverse tipologie di stitichezza. I trattamenti spaziano dall'adeguamento di dieta e stile di vita alla fisioterapia all'intervento chirurgico.
Una via naturale ed efficace per alleviare la sintomatologia tipica della malattia.
MEDICINA MODERNA TORNA IN TV
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico