Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Psicologia, psichiatria, sessuologia   Salute e benessere  

I TUOI AMICI TI ASSOMIGLIANO GENETICAMENTE

QUELLI PIÙ INTIMI SI SCELGONO ANCHE IN BASE AL DNA


Gli amici stretti condividono l’1% del DNA, al pari di cugini di quarto grado o bis-bis-nipoti. Lo spiega un team dell’Università della California, di San Diego e di Yale, che da un decennio sta cercando le basi biologiche delle relazioni sociali. Basandosi sui dati dei 1.932 individui raccolti nel celebre Framingham Heart Study (un ampio studio di popolazione nato per indagare le influenze genetiche e ambientali su malattie cardiovascolari e altri disturbi) i ricercatori hanno analizzato un milione e mezzo di varianti genetiche per scoprire le somiglianze tra amici e sconosciuti. Le radici di queste somiglianze genetiche risiederebbero in comportamenti selettivi ancestrali messi in atto per favorire l’adattamento e la cooperazione. Ad esempio, sembra che gli amici tendano ad avere un olfatto simile: un vantaggio in era preistorica, spiegano gli scienziati, perché la sensibilità ad alcuni odori, come quello del sangue, favoriva le battute di caccia di gruppo e una maggiore cooperazione.

In epoca moderna, commenta Fowler, questa caratteristica comune si tradurrebbe, invece, in una spinta a riunirsi al bar, attirati all'unisono dal profumo di caffè. La condivisione di un pezzo di DNA, inoltre, giocherebbe anche un ruolo immunitario perché «sembra che il successo riproduttivo della specie dipenda non solo dalla nostra costituzione ma anche da quella degli amici che ci circondano», prosegue il ricercatore. Un istinto che ci porterebbe a circondarci di persone care che hanno difese immunitarie sensibilmente diverse dalle nostre, per essere meno vulnerabili quando siamo in gruppo.

©oksalute

Social
Altro dal blog
Cosa è cambiato nel mondo della procreazione medicalmente assistita da quando è nata Louise Joy Brown, la prima ‘figlia della provetta’?
Un semplice prelievo di saliva ci può fornire informazioni preziosissime per migliorare la nostra salute e, di conseguenza, anche il nostro rendimento nelle attività sportive
Se esistono nella coppia dei rischi legati ad alterazioni cromosomiche o geniche, la consulenza genetica può fornire una diagnosi accurata.
Un esame rapido e assolutamente non invasivo, che permette di individuare anomalie nel feto con un semplice prelievo di sangue della futura mamma.
IL TROPPO “DESIGN” POTREBBE ESSERE NOCIVO
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico