Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Il feto sbadiglia nell’utero?

Vuol dire che è in buono stato di salute


WASHINGTON – Il feto sbadiglia già quando è nell’utero e, inoltre, sbadigliare rappresenta un processo che potrebbe potenzialmente indicare lo stato di salute di un feto.

WASHINGTON – Il feto sbadiglia già quando è nell’utero e, inoltre, sbadigliare rappresenta un processo che potrebbe potenzialmente indicare lo stato di salute di un feto.
La ricerca della Durham University è stata pubblicata su PLos One. In passato, mentre alcuni scienziati sostenevano che il feto sbadigliasse, altri non concordavano e ritenevano che, semplicemente, aprisse la bocca. La nuova ricerca distingue però chiaramente fra lo sbadiglio e il movimento di apertura della bocca basandosi sulla durata di questo gesto. Gli studiosi hanno usato delle scansioni 4D per esaminare tutti gli eventi in cui si verificavano movimenti della bocca del feto: in circa la metà dei casi è stato riconosciuto uno sbadiglio.
Gli scienziati hanno analizzato otto feti maschili e otto feti femminili che avevano dalle 24 alle 36 settimane di gestazione. Lo sbadiglio diminuiva a partire dalle 28 settimane, e non c’era nessuna differenza significativa fra maschi e femmine.
Inoltre, lo studio suggerisce che lo sbadiglio potrebbe essere legato allo sviluppo del feto, e potrebbe fornire indicazioni sulla sua corretta salute, perché  potrebbe essere legata allo stato di maturazione del cervello.

 

 

 

 

fonte: www.blitzquotidiano.it
 

Social
Altro dal blog
L'efficacia e la comodità delle nuove spirali a basso rilascio di progesterone.
Valida alternativa all'intervento chirurgico tradizionale quando la terapia medica non sia sufficiente, permette di conservare l'utero e non lascia cicatrici.
I leiomiomi sono in genere asintomatici, ma dipende dalla posizione, numero e dimensioni dei fibromi. Visita ginecologica ed ecografia confermano la diagnosi.
Il fibroma all’utero è una patologia tumorale benigna, spesso asintomatica, che si manifesta durante l'età fertile. Come influisce sulla funzione riproduttiva?
NON ACCADREBBE SOLO PER NOIA, SONNO O CONCENTRAZIONE
Nel post parto la neo mamma può presentare pelle in eccesso e non più tonica nella zona addominale, un seno svuotato e cadente. La chirurgia plastica viene in aiuto di queste donne per ridonare loro la perduta femminilità.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
Rosanna Banfi
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico