MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Dermatologia   Salute e benessere  

In estate attenti alle infezioni della pelle

Dott.ssa Rossana Capezzera - Dermatologa
Dott.ssa Rossana CAPEZZERA
 18 Gennaio 2019

In estate attenti alle infezioni della pelle

In estate ci sono maggiori possibilità di contrarre un’infezione cutanea perché il caldo ci costringe a scoprire parti del corpo di solito coperte dagli indumenti.

Le infezioni più diffuse, in estate, sono le micosi cutanee. Di norma, non sono dolorose, ma sono fastidiose e spesso associate a prurito o a bruciore. Compaiono con macchie color caffèlatte sulla pelle oppure come macchie rosa finemente desquamanti. Se non adeguatamente trattate possono persistere anche per diverse settimane.


 

Quali sono d’estate le cause più diffuse di infezioni alla pelle?

Le micosi più tipiche della stagione estiva, sono la pitiriasi versicolor e la candidosi delle pieghe cutanee cioè della regione inguinale, ascellare o interglutea.

A scatenarle può essere una cute seborroica, habitat preferenziale di alcuni miceti, ma anche un abbassamento transitorio delle difese immunitarie. Il microclima cutaneo che permette ai microrganismi patogeni, sempre presenti in minima quantità sull’epidermide, di prendere il sopravvento sulla microflora cutanea sana e colonizzare la cute, danno cosi patologia e si manifestano con le micosi.

Altre cause predisponenti e che facilitano soprattutto l’insorgenza di candidosi cutanea sono le terapie antibiotiche e anche un’alimentazione sregolata, povera di vitamine e micronutrienti essenziali, ricca di zuccheri, con conseguente innalzamento della glicemia.

 

Si pensa sempre alla sabbia e alle piscine ma ci sono dei rischi anche in montagna?

Un altro tipo di micosi, infettiva e contagiosa è invece rappresentata dalla tinea o tigna. Questi funghi, che possono essere trasmessi dagli animali o intercettati sdraiandosi sull’erba di un prato, sono, infatti, molto aggressivi e contagiosi e richiedono cautele particolari quando li si deve curare, per non trasmetterli ad altre persone del nucleo familiare convivente.

A favorire la diffusione e l’attecchimento di funghi dermatofiti e lieviti/muffe patogeni sono soprattutto l’ambiente caldo e umido tipico dell’estate e il contatto interumano, di tipo sia diretto (pelle contro pelle) sia indiretto (ossia mediato da oggetti o superfici d’uso comune). 

Ad aggravare la situazione contribuisce, poi, il fatto che in estate si è meno protetti dai vestiti, per via delle alte temperature, e dalle calzature, di norma aperte.

 

Quali precauzioni si possono prendere?

Se è vero che alcuni dei fattori che favoriscono lo sviluppo delle micosi non possono essere eliminati (difficile, per esempio, non sudare in estate).

Importante è l’igiene soprattutto dopo il bagno in piscina o al mare, fare sempre una doccia con un detergente delicato o blandamente antisettico con pH compreso tra 3,5 e 5,5. Dopo la doccia o il bagno, la pelle va asciugata con delicatezza e senza strofinare, in ogni piega cutanea, perché eliminare l’umidità in eccesso aiuta a prevenire lo sviluppo di micosi. 

Un’ulteriore raccomandazione contro le micosi è prestare attenzione a non camminare a piedi nudi nei luoghi frequentati da molte persone.

Inoltre, l’utilizzo degli asciugamani è bene che sia strettamente personale. Questo limita l’eventuale diffusione delle infezioni.

Tutta la biancheria e gli asciugamani usati in spiaggia o in piscina, a fine giornata, devono essere lavati ad alta temperatura e con detersivi disinfettanti per eliminare ogni possibile fungo.

Non è raro inoltre che, improvvisamente, si arrivi a casa dopo una giornata al mare o in montagna, con fastidiosi pruriti o irritazioni di cui, talvolta, non riusciamo a capire la causa. Colpa di alcune erbe, piante più o meno comuni e, naturalmente, di insetti o di altri animaletti ospiti dei prati o della sabbia che, a contatto con la nostra pelle, possono provocare reazioni allergiche, che si curano diversamente dalle micosi.

Pertanto, meglio consultare uno specialista in modo tale da non fare cure FAIDATE inefficaci e che in alcuni casi potrebbero addirittura aggravare la sintomatologia, nascondendo la causa scatenante.
 

Quando è bene recarsi dallo specialista?

Qualunque comparsa di macchie stabili su pelle o unghie che faccia sospettare una micosi richiede una visita medica.

È sempre bene rivolgersi al dermatologo (o al ginecologo in caso di infezioni vaginali) perché, per attuare una cura efficace e mirata, serve anche il prelievo delle squame dalla zona infetta: una parte di questi frammenti viene osservata al microscopio per ricercare le spore dei funghi, accertando quindi la diagnosi di infezione micotica, mentre un’altra parte viene messa in terreno di coltura, in modo che il fungo della pelle prolifichi e si possa capire esattamente di quale tipo si tratta. Questo permette di avviare un trattamento antimicotico specifico.

Social
Dott.ssa Rossana Capezzera - Dermatologa
Hai bisogno di un consulto in
Dermatologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott.ssa Rossana CAPEZZERA     
Altro dal blog
La perdita di capelli in età pediatrica è molto più frequente di quanto si pensi.
La videodermatoscopia è un'innovativa tecnica diagnostica per la mappatura dei nei.
Le affezioni del cuoio capelluto generano disagi fisici ma anche psicologici, sia nell'uomo che nella donna. Una diagnosi corretta e una terapia adeguata possono venire in soccorso.
Recentemente sdoganata dalla famosa modella di colore Winnie Harlow, bellissima testimonial di Desigual e Diesel, la vitiligine è una malattia della pelle a incidenza prevalentemente femminile.
Fototipi, protezione solare e vitamina D
I nei congeniti possono essere presenti dalla nascita o comparire entro il secondo anno di vita, mentre i nei acquisiti si manifestano oltre i due anni.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico