Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Analisi   Gastroenterologia   Scienza dell'alimentazione  

Intolleranza al Lattosio, la diagnosi in un soffio

Dott. Ferruccio Mazzanti - Biologo Clinico
Dott. Ferruccio MAZZANTI
 03 Maggio 2016

Intolleranza al Lattosio, la soluzione in un soffio

Il breath test è la metodica più indicata per individuare la carenza di lattasi, che causa intolleranza al lattosio e conseguenti disturbi intestinali.

Avere disturbi intestinali quali gonfiori, dolorabilità e talvolta diarrea è piuttosto frequente. E se questi disagi fossero causati da un'intolleranza al lattosio?

Spesso ci troviamo di fronte ad intolleranze. – spiega il dottor Ferruccio Mazzanti – All’interno di questa patologia, l’intolleranza al latte o ad alcune sue componenti rappresenta la causa più frequente. In particolare, si definisce intolleranza al lattosio l’insieme di sintomi che possono presentarsi in un individuo per l’incapacità di digerire il lattosio, il principale zucchero contenuto nel latte, causata da una carenza di lattasi, enzima che scinde il lattosio in zuccheri semplici che vengono poi assorbiti dal tratto gastrointestinale.”
 

Come si diagnostica l'intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio è molto comune specialmente nei paesi dell’Europa del sud, dove la prevalenza arriva a sfiorare il 70% della popolazione adulta. Il mancato catabolismo del lattosio induce una serie di disturbi che portano il paziente a contattare lo specialista. Attraverso un esame, il breath test, o test del respiro, ed all’ausilio di una apparecchiatura dedicata, viene misurata la quantità di idrogeno prodotto dalla fermentazione dell’idrogeno nell’intestino.
 

Come viene eseguito il Breath Test

La metodica operativa è semplice e prevede l'assunzione per via orale di lattosio (ad esempio 20 grammi) e la successiva analisi dei gas espirati dal paziente dopo un certo periodo di tempo. Si ricerca in particolare il picco di idrogeno nell'aria espirata, la cui presenza è spia di fermentazione intestinale dello zucchero non assorbito, da parte della flora batterica del colon. In base all'ampiezza del picco, l'intolleranza al lattosio potrà essere classificata in lieve, grave e moderata, picco che invece non si registra nel soggetto che digerisce senza problemi il lattosio.
La durata dell'esame è di circa 3-4 ore.
 

L'attendibilità del test per l'intolleranza al lattosio

Il test è molto attendibile. Il breath test perde valore diagnostico nei soggetti sani intolleranti al lattosio ma con una flora intestinale scarsa, compromessa dall'uso di antibiotici o dall'abuso di lassativi e clisteri; questi soggetti possono infatti risultare falsamente negativi al test (quindi apparire sani nonostante siano effettivamente intolleranti al lattosio). Per questo, in chiave di una ottimale preparazione al breath test, è importante sospendere l'assunzione di antibiotici ed estratti pancreatici nei 7-15 giorni che precedono l'esame; sospendere fermenti lattici, lassativi o antidiarroici almeno una settimana prima del test evitare, nelle 24 ore precedenti l'esame, il latte ed i latticini di origine animale (ammesso, ad esempio, il latte di soia o di riso), ma anche tutti i prodotti alimentari che possono contenere lattosio come additivo.

Si tenga inoltre presente che il lattosio è usato come base per più del 20% dei farmaci prescrivibili e per circa il 6% dei prodotti farmaceutici da banco.

Social
Altro dal blog
Incontro in diretta streaming su youtube e facebook giovedì 26 novembre alle 18.30
Si parlerà di retina liquida, la novità più interessante nel panorama delle nuove terapie per i pazienti affetti da malattie della retina
Per l’Ottobre Rosa 2020 un incontro mercoledì 28 ottobre ore 18 confermato in diretta streaming a cui accedere dal sito del Comune di Portogruaro
Un cadeaux unconventional per far riflettere sull’importanza del tempo da dedicare alla prevenzione.
Apre il sedicesimo punto prelievi aperto dal Gruppo Centro di medicina, con un ambulatorio autorizzato dal Comune e personale infermieristico qualificato.
Nati come alternativa per gli intolleranti al lattosio, i formaggi vegan contengono meno proteine e più carboidrati dei formaggi tradizionali.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico