Loading...
La preservazione sociale della fertilità

La preservazione sociale della fertilità

Con la metodica della criopreservazione si può spostare la gravidanza negli anni, limitando le patologie genetiche e le difficoltà di concepimento.

Col passare degli anni nel patrimonio follicolare femminile avviene un’importante riduzione della qualità e quantità dei follicoli con una fisiologica diminuzione delle possibilità che, anche con le più sofisticate tecniche di riproduzione assistita, a 40 anni non superano il 15 %, secondo l’ultimo rapporto del Ministro della Salute del 30/06/2014.

Ecco perché, in previsione di ritardare la ricerca di un figlio, la donna oggi ha la possibilità di preservare la propria fertilità congelando i propri ovociti (cioè il patrimonio genetico) in giovane età – quindi al massimo della propria capacità riproduttiva – per poi utilizzarli anni dopo, ma con i risultati in termini di gravidanza riferibili all’epoca del congelamento.

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
fertilitàDott. Francesco TomeiPMA
Dott. Francesco Tomei Dott. Francesco Tomei
Dott.

Francesco Tomei

Hai bisogno di un consulto medico in Ginecologia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top