MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Neurologia-endocrinologia-medicina nucleare   Salute e benessere  

MIDOLLO SPINALE

NOVITA' NELLA CURA DELLE LESIONI


 

Una combinazione innovativa di terapie ha permesso a topi paralizzati di riguadagnare fino al 70% della loro capacità di camminare. 
La ricerca potrebbe costituire un passo avanti significativo per aiutare una parte di coloro che, a causa di lesioni del midollo spinale, sono costretti sulla sedia a rotelle. 
I ricercatori protagonisti dello studio, parte del Miami Project to Cure Paralysis, sostengono di aver trovato il modo di promuovere la crescita delle fibre nervose del midollo spinale danneggiato ed impedire la morte del tessuto nervoso dopo il trauma. 
Un danno al midollo spinale danneggia i circuiti nervosi che trasportano gli ordini del cervello al corpo. Recenti ricerche si erano concentrate sul trapianto di cellule dai nervi periferici
nella zona danneggiata del midollo spinale per ricollegare, come un ponte, le due zone separate dal trauma. 
Le nuove fibre nervose incontrano però problemi legati all’ostacolo alla crescita posto dalla funzione inibitiva di alcune molecole. 
I ricercatori Mary Bartlett Bunge e Damien Pearse, autori dello studio pubblicato su Nature Medicine, hanno ideato un metodo di cura suddiviso in tre parti, la prima delle quali comincia subito dopo il trauma. Per la ricerca non sono stati usate le cellule staminali, ma cellule adulte tratte dagli stessi topi coinvolti nell’esperimento.  
Secondo Naomi Kleitman, del National Institute of Neurological Disorders and Stroke, la nuova strategia costituisce un progresso significativo rispetto alle terapie precedenti, ed ulteriori progressi potranno consentire applicazioni cliniche. 
Gli animali sono riusciti a fare dei progressi rispetto alle terapie precedenti, passando da pochi passi faticosi a movimenti coordinati delle zampe posteriori ed anteriori. 
 
 

 

Social
Altro dal blog
Specialisti