Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Dietologia   Nutrizione   Salute e benessere  

New Penta: perdere peso per vivere più a lungo e meglio

New Penta: perdere peso per vivere più a lungo e meglio

Molti sono convinti che perdere peso sia solo una questione di estetica, ma si sbagliano. Restare in forma aiuta soprattutto a vivere più a lungo e meglio.

Sovrappeso, obesità e diabete sono spesso conseguenze di uno stile di vita a lungo scorretto, caratterizzato da sedentarietà ed eccesso di alimentazione. L’obesità purtroppo è una malattia cronica, la cui guarigione è rara, il calo di peso lento, la recidiva comune ed il cui trattamento è spesso più frustrante e stressante della malattia di base.

Qual è allora l’approccio dietetico ottimale per un calo ponderale che aiuti l’organismo a restare in salute e in forma?
L’abbiamo chiesto al Dottor Paolo Favretto, Specialista di Dietologia nonché responsabile dell’équipe di Dietologia Clinica del Centro di medicina Conegliano dove si occupa anche di nutrigenetica e nutrigenomica.
Di recente è stata accreditata una vera alternativa dietetica per il trattamento dell’obesità con un piano alimentare basato sulle diete ad apporto calorico molto basso (Very Low Calorie Diet, VLCD). Queste diete, strutturate anche con un apporto di carboidrati (glucidi) molto basso, sono le cosiddette Very Low Calory Ketogenic Diet (VLCKD). Le VLCKD sono l'evoluzione delle diete chetogeniche nate negli anni Trenta per trattare le epilessie infantili resistenti ai farmaci, ma che a differenza di queste (che dovevano comunque essere normo o ipercaloriche), sono ipocaloriche ed offrono una quantità normale di proteine, adatta al fisico del paziente, ciò consente di non perdere la massa magra, mantenendo inoltre un apporto calibrato di grassi prevalentemente insaturi e polinsaturi, quindi più salubri. Le VLCKD sono protocolli terapeutici intensivi che devono essere somministrati sotto la supervisione del medico. Il vero punto di attacco di queste è la ridotta quantità di carboidrati che consente al corpo di innescare un meccanismo naturale: la Chetosi.


Dottore in cosa consiste la chetosi?
La chetosi è un meccanismo fisiologico che viene indotto dall’utilizzo dei grassi di deposito, in sostituzione degli zuccheri, come base per produrre energia nell’organismo, mantenendo inalterata la massa magra muscolare. Le diete classiche (ipocaloriche, bilanciate) comportano una lenta perdita di peso e soprattutto un conseguente abbassamento del metabolismo basale che si oppone al dimagrimento compromettendo il mantenimento della massa magra. Risultano inoltre molto difficili da seguire poiché sono caratterizzate dal perdurare del senso di fame che è invece fortemente attenuato dal meccanismo della chetosi.

L'assunzione giornaliera di proteine e degli altri macro e micro nutrienti è in linea con quanto stabilito dall'EFSA (European Food Safety Authorithy) in uno specifico documento. Un’enorme mole di letteratura scientifica, soprattutto negli ultimi 5 anni, supporta questo protocollo.
In uno studio eseguito dal Dipartimento di Medicina Sperimentale, Sezione di Fisiopatologia Medica ed Endocrinologia, Università di Roma "La Sapienza", Policlinico Umberto I a Roma, pubblicato su una rivista di rilevante importanza internazionale: Endocrine 2015, si pone in risalto come il paziente ottenga un miglioramento generale dei valori biochimici di partenza e tutto questo accompagnato da un senso di benessere ed energia durante tutto il programma nutrizionale.

Social
Altro dal blog
Per recuperare la forma dopo le piccole trasgressioni alimentari che ci siamo concessi durante l'estate, non occorrono diete rigide ma è importante fare attenzione a cosa mangiamo.
Protocollo dietetico per adiposità localizzata e PEFS di New Penta
“Dopo le feste mi metto a dieta!” È il primo dei buoni propositi che si fa dopo gli eccessi delle tavole natalizie.
La chetosi è la chiave per contrastare le adiposità localizzate
Se l'obesità è una malattia cronica, dobbiamo trattarla come una malattia cronica.
L'attrattiva di una carriera professionale sportiva può indurre i giovani atleti a seguire allenamenti intensivi che spesso potrebbero essere considerati estremi anche nel caso di atleti adulti.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico