Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Chirurgia   Ortopedia  

Protesi alla spalla: tutto quello che c'è da sapere sull'intervento chirurgico

Dott. Luca Londei - Ortopedico
Dott. Luca LONDEI
 24 Marzo 2022

Donna si massaggia la spalla

È indicata quando le strutture che compongono l’articolazione sono irrimediabilmente usurate e deformate causando dolore e limitazione del movimento, oppure in seguito a frattura a più frammenti della testa omerale.

L'articolazione della spalla è composta dall'omero, dalla scapola e dalla clavicola. La testa dell'omero, di forma sferica, si inserisce nella cavità glenoidea, una superficie poco profonda della scapola.
La superficie ossea è ricoperta da cartilagine articolare, un tessuto elastico molto resistente che protegge le ossa e ne consente il movimento. 

Vi è poi la membrana sinoviale, un tessuto sottile che ricopre le altre superfici all'interno dell'articolazione.
In un soggetto sano, questa membrana produce una piccola quantità di liquido che lubrifica la cartilagine, evitando così sfregamenti e attriti tra le ossa.I muscoli e i tendini poi conferiscono stabilità contribuendo all'esecuzione di tutti i movimenti della spalla.

In presenza di un danno alla spalla, può rendersi necessaria la sostituzione protesica: le parti danneggiate vengono così sostituite con componenti artificiali, le protesi appunto. La protesi può riguardare solo la testa dell'omero oppure essere una protesi totale, che sostituisce cioè sia la testa dell'omero sia la parte glenoidea a livello scapolare.
 

Quando è necessaria la chirurgia protesica della spalla? 

La protesi è necessaria quando la testa omerale sia interessata da grave artrosi, oppure da una frattura a più frammenti. 

Altra indicazione alla protesi di spalla è la rottura massiva inveterata della cuffia dei rotatori con impossibilità a compiere movimenti (spalla “pseudoparalitica”). 
 

A che cosa serve la chirurgia protesica della spalla? 

La protesi di spalla permette di sostituire l’articolazione completamente (protesi anatomica oppure protesi a “geometria inversa”) o parzialmente in base al grado di deterioramento e recuperare così più rapidamente il movimento dell’articolazione. Inoltre permette di togliere completamente i dolori che accompagnano tipicamente l’artrosi. 
 

Come si svolge l'intervento? 

L’intervento prevede un’anestesia sia dell’arto da operare sia una sedazione generale profonda.
La durata dell’intervento è di circa 60 minuti, prevede un’incisione cutanea di 10-15 cm nella regione anteriore della spalla, viene considerato un intervento mini-invasivo perché l’accesso all’articolazione avviene divaricando, spostando le masse muscolari senza tagliarle e questo permette un recupero post-operatorio veloce e con pochi dolori.

Il giorno successivo all’intervento, previo controllo radiografico, il paziente viene dimesso con tutore ortopedico che manterrà per i primi 25 giorni. 
 

La protesi della spalla è dolorosa o pericolosa? 

L’intervento non è doloroso, anzi il Paziente ottiene una rapida scomparsa delle algie ed anche la riabilitazione successiva avviene senza particolari dolori. 
 

Chi può sottoporsi al trattamento? 

L’intervento, non essendo particolarmente invasivo e con scarse perdite di sangue, può essere affrontato da quasi tutti i pazienti, senza limiti di età. 

Chiaramente il candidato all’intervento viene sottoposto alla valutazione dell’anestesista, come peraltro avviene nelle programmazioni di ogni intervento chirurgico, per valutare eventuali patologie concomitanti. 
 

In cosa consiste il followup post intervento? 

A distanza di 5-6 giorni dall’intervento il Paziente inizierà la riabilitazione che da protocollo sarà “passiva” per i primi 25 giorni per poi passare a quella “attiva”. 

Dopo 15 giorni circa si procederà alla rimozione della sutura cutanea. Dopo 2, 6 e 12 mesi invece ci sarà il controllo clinico e radiografico. 

Social
Dott. Luca Londei - Ortopedico
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Luca LONDEI    
Altro dal blog
È uno dei traumi più comuni e sottovalutati, ma necessita di un adeguato trattamento per evitare fastidiosi strascichi.
Oggi è disponibile una tecnica mini invasiva che riduce i tempi post operatori.
Attualmente la chirurgia del ginocchio è diventata una delle branche chirurgiche più importanti dell’ortopedia, e varia dalle patologie più banali a quelle più complesse
La chirurgia protesica ha fatto enormi progressi, utilizzando sistemi di impianto di alta qualità e garantendo interventi sicuri che migliorano la qualità della vita
La terapia infiltrativa intrarticolare è entrata di prepotenza nelle pratiche cliniche antalgiche più diffuse.
Scopriamo i trattamenti e gli esami strumentali per diagnosticare la calcificazione della spalla
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico