Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Alimentazione   Scienza dell'alimentazione  

Radicchio di Treviso: è buono e fa bene

Dott. Alessandro Bertoldo – Biologo Nutrizionista
Dott. Alessandro BERTOLDO
 30 Dicembre 2015

primo piano su cespo di radicchio rosso di Treviso perfetto per piatti vegetariani e vegani

Depura l'organismo e favorisce la digestione con un apporto calorico ridottissimo. Una gustosa ricetta adatta anche a vegetariani e vegani.

Secondo un detto popolare, il radicchio rosso di Treviso è il dono che l'autunno fa all'inverno, per rallegrare con i suoi colori i campi ormai brulli e incupiti dalla stagione. Il suo nome scientifico è Chicorium intybus e appartiene alla famiglia delle Composite, gruppo delle cicorie.
 

Radicchio Rosso di Treviso: Stagionalità

È possibile consumarlo dal mese di Ottobre fino a Febbraio e a seconda del periodo in cui si raccoglie, si definisce “precoce” o “tardivo”; il tipo precoce è caratterizzato da un sapore particolarmente dolce mentre il tardivo ha un retrogusto amarognolo.


Le proprietà benefiche del Radicchio di Treviso

È anche conosciuto come l’“aspirina di Ottobre”, perché grazie ai suoi principi nutritivi rinforza l’organismo depurandolo dalle scorie: possiede, infatti, innumerevoli proprietà benefiche per la salute del nostro organismo, grazie all’alto contenuto di antiossidanti flavonoidi fenolici come zeaxantina e luteina, che agiscono come protettivi per quanto riguarda le malattie legate all’età. Inoltre, l’abbondante presenza di acqua e di fibre insolubili lo rende utile a favorire la digestione e per il buon funzionamento dell’intestino: ha forti proprietà depurative.

È indicato anche per le diete e i regimi alimentari controllati, in virtù del suo ridotto apporto calorico: 100 grammi di radicchio di Treviso contengono solamente 13 calorie. 

tabella valori nutrizionali Radicchio di Treviso

Si presta, naturalmente, anche a molte ricette vegetariane e vegane. Ecco a voi una gustosa interpretazione del Radicchio di Treviso con cereali e legumi.
 

ORZO E FAGIOLI CON IL RADICCHIO

Ingredienti:
300 gr. Orzo perlato
300 gr. Fagioli secchi
1 Scalogno
1 Gambo di sedano
1/2 Carota
1 rametto di Rosmarino
1 foglia di Alloro
3 cespi di Radicchio rosso
Olio extravergine di oliva
Sale e Pepe


Preparazione:
Lasciare a bagno i fagioli in acqua fredda dalla sera prima; al mattino scolarli e asciugarli, metterli in una pentola con un litro e mezzo di acqua. Aggiungere il mazzetto di aromi (sedano, cipolla, carota, rosmarino, alloro) e far bollire lentamente per tre ore. Togliere il mazzetto di aromi, e passare il resto al mixer. Rimettere il passato nella pentola e far bollire, aggiungere l’orzo e cuocere per 15 minuti. Salare e pepare. Nel frattempo preparare il radicchio tagliato a pezzetti di 3 cm, condendolo con olio, pepe e sale (goccia di aceto a piacere). Metterlo in ciotole individuali e versarvi sopra la zuppa di fagioli e una goccia d’olio.

Ricetta tratta dal libro "100 facili ricette al Radicchio" di G. Pasin

Immagine su gentile concessione: Consorzio Tutela Radicchio Rosso di Treviso IGP
Social
Altro dal blog
L’incontro aperto al pubblico si terrà venerdì 16 novembre nell’Aula Magna scuola media “Manzoni”: interverranno gli specialisti Alessandro Targhetta omeopata, nutrizionista e Ilaria Romano dermatologa
La sindrome dell'intestino irritabile si combatte a tavola: la dieta FODMAP ci guida a un'alimentazione in grado di alleviare i sintomi gastrointestinali.
Quando la stipsi è causata da patologie come rettocele o prolasso rettale interno, è necessario ricorrere all'intervento chirurgico.
Esistono diverse tipologie di stitichezza. I trattamenti spaziano dall'adeguamento di dieta e stile di vita alla fisioterapia all'intervento chirurgico.
E’ la malattia umana più frequente e colpisce tutte le popolazioni a livello mondiale, ma non si tratta di un’infezione grave e può essere trattato con metodi naturali.
In autunno perdiamo circa il 20-30% di capelli in più rispetto al solito, ma è un fenomeno normale di rinnovo che riguarda tutti. L'alimentazione può essere un valido aiuto per assicurarne una nuova crescita forte e sana.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico