Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Fisiatria   Radiologia   Tecnologia  

RADIOLOGIA? | RMC RISONANZA MAGNETICA CARDIACA: DIAGNOSI E PREVENZIONE

Dott. Francesco Corbetti
Dott. Francesco CORBETTI
 14 Novembre 2013

UN METODO DIAGNOSTICO NON INVASIVO E SENZA RADIAZIONI


Anche se la risonanza magnetica è ormai impiegata da circa 30 anni, le sue applicazioni in cardiologia sono relativamente recenti e sono state rese possibili grazie allo sviluppo di tecnologie in grado di superare le limitazioni imposte dal rapido movimento del cuore.

 

Dottor Corbetti, a cosa serve la RMC?

Grazie ad essa possiamo valutare la funzione dell’organo e analizzarne le componenti tessutali, ricavando preziose informazioni che aiutano nell’inquadramento di varie cardiopatie. Si possono avere inoltre dettagliate informazioni morfologiche utili in svariate patologie che non sempre altre indagini morfologiche (ad esempio l’ecocardiografia) possono dare; è possibile avere informazioni di perfusione del cuore e individuare anomalie delle arterie coronarie altrimenti dimostrabili solo in modo più invasivo; sono altresì facilmente studiabili i grossi vasi del torace in relazione con la pompa cardiaca.

E allora, quando la RMC?

In genere pressoché tutte le cardiopatie trovano nella risonanza uno strumento importante, efficace come diagnostica e come integrazione d’informazioni fornite da altre metodiche. Una crescente attenzione alla RMC sta diffondendosi nel mondo della medicina sportiva poiché fornisce elementi utili ad individuare soggetti portatori di anomalie ed a rischio. Un ruolo importante spetta inoltre alla RMC nel follow up delle cardiopatie, grazie alla possibilità di seguirne nel tempo l’evoluzione in modo non invasivo e di porre l’indicazione a specifiche terapie. È comunque sempre fondamentale che l’esame sia eseguito solo dopo un’accurata valutazione del cardiologo: non si tratta di un esame di prima istanza ed eseguibile in modo sempre standardizzato, ma di un approfondimento diagnostico che richiede un notevole impegno di risorse e collaborazione da parte del paziente e che va condotto “su misura” in relazione al quesito, allo scopo di ottimizzarne la resa diagnostica.

A fronte di tanti vantaggi, esistono limitazioni all’uso della RMC?

?Un requisito importante è che il ritmo cardiaco sia sufficientemente regolare. Le immagini di risonanza sono acquisite in sincronizzazione con il ciclo cardiaco; aritmie consistenti inducono ad errori di acquisizione ed interpretazione, è comunque possibile limitare in caso di necessità con trattamento farmacologico antiaritmico. Fermo restando che non sono noti effetti dannosi, può essere problematico in pazienti con claustrofobia, portatori di pacemaker o di particolari impianti metallici da pregresso intervento; per questo è necessaria un’indagine scrupolosa. Anche l’uso del mezzo di contrasto, richiede un’attenzione particolare; per quanto il rischio sia davvero modesto, in pazienti con storia di allergie o insufficienza renale può indurre reazioni ed è quindi fondamentale una valutazione preliminare ricorrendo eventualmente ad una preparazione farmacologica nei casi in cui l’uso del contrasto sia indispensabile.

 

Tratto dal magazine Medicina Moderna n. 1 edizione Padova ©Medicina Moderna 

 

Social
Altro dal blog
Dalla riqualificazione in chiave green di uno stabile abbandonato è nato il nuovo Headquarter, nell'area saranno creati 80 nuovi posti auto
La risonanza evidenzia tutte le possibili patologie presenti e future del rachide
La diagnosi precoce del tumore mammario e le nuove terapie hanno permesso di ridurne la mortalità, con una sopravvivenza dell’87% a cinque anni dalla diagnosi e dell’80% a dieci anni.
Senza rischi per il paziente, consente di stabilire la situazione dell’osso mascellare e della mandibola prima di procedere ad un intervento chirurgico, ad esempio nell'implantologia.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico