Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Neurologia-endocrinologia-medicina nucleare   Salute e benessere  

SCLEROSI MULTIPLA | Quali sono gli accertamenti e controlli periodici?

Dott. Andrea Martinuzzi
Dott. Andrea MARTINUZZI
 17 Aprile 2013

Con lo specialista in neurologia, il dottor Andrea Martinuzzi, parliamo frequenza dei controlli e tipo di farmaci da utilizzare nei malati di sclerosi multipla (SM).


 

La frequenza dei controlli sarà principalmente dettata dall’attività di malattia, cioè dalla frequenza e gravità delle ricadute (comparsa di nuovi sintomi o aggravamento dei precedenti). In soggetti che non presentano malattia attiva, un controllo semestrale con visita neurologica e annuale con RMN + mezzo di contrasto andrebbe sempre previsto. Negli altri casi ogni nuovo sintomo dovrebbe essere seguito da una valutazione neurologica, nella quale con il paziente si decideranno le procedure da avviare.

La storia naturale della malattia può essere modificata utilizzando farmaci in grado di agire sul sistema immunitario, di ridurre quindi l’attività di malattia, ma non di guarire il paziente. Accanto all’interferone, primo farmaco con tali caratteristiche impiegato con successo, si sono aggiunti nel tempo altre sostanze (copolimero, anticorpi monoclonali umanizzati quali il Natalizumab, Fingolimod). Se il paziente fa uso di questi farmaci, i controlli periodici andranno anche calendarizzati in relazione agli esami necessari per il monitoraggio di ciascuna terapia.

 

Hai delle domande da porre al nostro specialista?
Scrivi a:  andrea.martinuzzi@medicinamoderna.tv
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MEDICINA MODERNA

foto: fnomceo.it

Social
Altro dal blog
Uno studio durato 5 anni su 28 pazienti ha valutato l'uso della nanotecnologia per il controllo posturale/articolare e il benessere dei malati di sclerosi multipla (SM).
Un sistema innovativo per la riabilitazione motoria e cognitiva di pazienti colpiti da ictus, sclerosi multipla o Parkinson, dove il gioco diventa terapia.
In occasione della Giornata della Sclerosi Multipla, il 30 maggio si parla di buone pratiche quotidiane che migliorano la qualità di vita delle persone con SM.
Un sonno disturbato potrebbe “segnalare” con un anticipo di 5-10 anni lo sviluppo di patologie neuro-degenerative. Rivolgersi al neurologo è, dunque, un importante atto di prevenzione.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
Rosanna Banfi
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico