Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Si tiene a Bologna, dal 16 al 18 settembre, la ventunesima edizione del 9.baby Symposium

9.baby Symposium

Torna l'annuale appuntamento scientifico dedicato alla medicina e alla biologia della riproduzione

All’ordine del giorno presente e futuro della fecondazione assistita; si parlerà di endometriosi e rapporti tra covid-19, fertilità e procreazione assistita

 

Dal prossimo 16 settembre, si terrà a Bologna il 9.baby Symposium 2021: anche quest’anno medici e biologi della riproduzione si ritroveranno per parlare del presente e del futuro della fecondazione assistita. Molti sono i temi che verranno trattati: tra questi, l’endometriosi, una patologia che solo in Italia riguarda 3 milioni di donne e che frequentemente ha un impatto sulle possibilità riproduttive di chi ne soffre. “In Italia, l’ultima rilevazione Istat fotografa una situazione nella quale l’età media al primo parto cresce senza sosta (è ormai di 32.2 anni, 1 anno in più di quello che si rilevava nel 2008); i figli si cercano sempre più tardi, ma la nostra biologia non è cambiata e proprio per questo l’età materna è uno dei fattori che impatta maggiormente sulle probabilità di avere - e, ancora più - di portare a termine una gravidanza. Per questo anche al nostro Simposio trattiamo ed approfondiamo il tema della Diagnosi Pre Impianto, che consente di indagare sul corredo cromosomico degli embrioni frutto di un trattamento di fecondazione assistita, in modo da minimizzare al massimo il tempo necessario per ottenere una gravidanza, evitando transfer di embrioni che non avrebbero possibilità di dare il via ad una gravidanza” dice Andrea Borini, responsabile del network per la fertilità 9.baby organizzatore del Symposium.

Il 9.Baby Symposium 2021, fruibile anche per via telematica, sarà una occasione di dialogo per biologi e medici della riproduzione, andrologi e ginecologi che si confronteranno su tematiche ‘classiche’, come la gestione della stimolazione ovarica, e su tematiche nuove, quali le opportunità di osservazione dello sviluppo embrionale offerte dalla microscopia elettronica e dalla tecnologia time lapse. Si parlerà di adenomiosi, di ‘fattore maschile’ e del presunto declino progressivo della qualità del seme, del ‘pianeta blastocisti’ e di criteri per la selezione degli ovociti. Si approfondiranno gli eventuali legami tra salute dei nati ed eventi che accadono nelle fasi di crioconservazione e coltura embrionale. “Si tratta di un tema sul quale è necessario riflettere; oggi, nel nostro paese, sono ancora poche le donne che pensano al futuro riproduttivo per tempo, scegliendo ancora nel pieno della loro fertilità di conservare i propri ovociti, ma in alcune parti del mondo questa pratica si sta diffondendo; anche per questo, ci saranno in futuro sempre più bimbi che verranno al mondo da gameti o da embrioni crioconservati. È dunque quanto mai interessante indagare su quelli che potrebbero essere gli impatti della crioconservazione sul futuro dei bimbi.”, aggiunge Borini. 

Si parlerà di quality management e del quadro normativo che regola la Procreazione Medicalmente Assistita nel nostro paese: si tratta infatti di un ambito normato fin nel più piccolo dettaglio procedurale, a tutela delle coppie e del nascituro e gli operatori del settore si confrontano ogni giorno con le norme nazionali e regionali. Infine, si parlerà di Covid-19: “Quando abbiamo avviato l’organizzazione del nostro appuntamento annuale, speravamo di arrivare al momento di incontrarci essendoci già messi alle spalle totalmente la pandemia; purtroppo così non è. Anche per questo riteniamo particolarmente interessante affrontare, tra gli altri, il legame tra Covid-19, fertilità e procreazione assistita.”, commenta Borini. “Sin dal Marzo 2020 l’infezione da Sars-Cov2 ha avuto un forte impatto su tutti noi e in primis, naturalmente, sulle coppie che si approcciano al percorso di PMA: in questi mesi, i pazienti ci hanno posto molte domande in merito ad esempio sulle tempistiche con le quali vaccinarsi senza rallentare il percorso e compromettere le chances di gravidanza. Le tante parole, non sempre scientifiche, che sono state dette e scritte sul Covid hanno creato nelle persone paure, dubbi ed esitazioni che - in qualche caso - hanno avuto come esito ritardi e rallentamenti nel cammino di ricerca di genitorialità. Riteniamo nostro compito fare più chiarezza possibile su questi temi, per fare in modo che i pazienti si avvicinino alla Procreazione Assistita, se necessario, senza esitazione e si vaccinino serenamente, sapendo che è molto più pericoloso per la potenziale gravidanza contrarre il Covid-19, di quanto lo sia un’eventuale reazione avversa al vaccino”, conclude Borini. 

In un paese nel quale la denatalità è sempre un tema all’ordine del giorno, 9.baby ritiene importante favorire il confronto tra specialisti in medicina e biologia della riproduzione, perché si possa stimolare l’evoluzione delle discipline tramite il dialogo tra chi lavora ogni giorno per sostenere le coppie in cerca di una gravidanza che non arriva.

 

9.baby è il network medico specializzato nella diagnosi e cura della sterilità maschile e femminile e nelle tecniche di fecondazione assistita, nato dall’esperienza di Tecnobios Procreazione. Con 13 centri in tutta Italia, oltre 36.800 coppie seguite, più di 284 lavori scientifici pubblicati, la nostra rete garantisce in tutti i punti del network la stessa competenza e familiarità che contraddistinguono l’équipe e il Centro di Bologna, sede principale di 9.baby, che in 30 anni di attività ci hanno permesso di contribuire alla nascita di un bambino al giorno.

 

Comunicato Stampa
9.baby- Family and Fertility Center
14 settembre 2021

Social
Altro dal blog
La corretta informazione aiuta le coppie che non riescono ad avere un bimbo: rivolgersi agli specialisti e non credere ai 'decaloghi della fertilità' potrebbe essere la strada giusta per non perdere tempo prezioso
L’iniziativa è coordinata dal dottor Francesco Tomei, per anni punto di riferimento all’Ospedale di Pordenone e ora Direttore PMA Centro di medicina San Donà di Piave
Analizziamo come cambia la probabilità di diventare mamma in relazione all’età della donna ed alla quantità di ovociti presenti nelle ovaie
Nonostante il Covid, il 2020 si chiude con 150 cicli di Pma per l’equipe del dottor Francesco Tomei, con una percentuale di successo del 37.6%
Appuntamento annuale scientifico dedicato alla medicina della riproduzione - PMA
Bombardamento ormonale, impotenza, cagionevolezza dei nati: quali sono le paure più grandi delle coppie che hanno difficoltà ad avere un bimbo?
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
medicina-moderna42-estate2021
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico