Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Medicina generale   Salute e benessere  

STATISTICHE ULSS 7

IL "SISTEMA PASSI"


Il 66% degli assistiti dell’Ulss 7 giudica buono o molto buono il proprio stato di salute. E’ quanto emerso dall’Indagine Passi (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia), nell’ambito della quale sono state effettuate, nel periodo compreso tra aprile 2007 e dicembre 2010, 1.036 interviste. A questo 67% per cento che si dichiara molto soddisfatto del proprio stato di salute va poi aggiunto un altro 32% che ha dichiarato di sentirsi discretamente. Solo il 2% degli intervistati ha detto di sentirsi male o molto male.

Il 66% degli assistiti dell’Ulss 7 giudica buono o molto buono il proprio stato di salute. E’ quanto emerso dall’Indagine Passi (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia), nell’ambito della quale sono state effettuate, nel periodo compreso tra aprile 2007 e dicembre 2010, 1.036 interviste. A questo 67% per cento che si dichiara molto soddisfatto del proprio stato di salute va poi aggiunto un altro 32% che ha dichiarato di sentirsi discretamente. Solo il 2% degli intervistati ha detto di sentirsi male o molto male. I più soddisfatti del proprio stato di salute sono risultati i giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni, gli uomini, le persone con elevato livello di istruzione e di reddito. Altri interessanti risultati sono giunti, nell’ambito dell’indagine, dall’analisi della correlazione tra determinanti socio-economiche (sesso, età, titolo di studio, reddito etc) e stili di vita. Gli uomini hanno evidenziato maggiori problemi per quanto riguarda il peso, il fumo e l’alcol. Le donne, invece, sono risultate più sedentarie, hanno il colesterolo più elevato e manifestano più frequentemente sintomi depressivi. Per quanto riguarda, invece, il rapporto tra età e stili di vita, i giovani (18-34 anni) hanno detto di consumare pochissima frutta e verdura  e 1 su 3 fuma. Gli over 50 sono risultati maggiormente a rischio per l’eccesso ponderale, l’ipertesione e l’ipercolesterolemia. L’uso rischioso di alcol riguarda, quasi in egual misura, sia gli under 34enni che gli over 50enni. Le persone con maggiori difficoltà economiche, che faticano ad arrivare a fine mese, hanno evidenziato uno stile di vita che li porta all’eccesso ponderale, a fumare di più ed a sentirsi depressi in percentuale maggiore rispetto a chi non ha problemi a far quadrare il bilancio familiare. Altro dato interessante tra quelli emersi dal Passi, il rapporto tra livello di istruzione e comportamenti a rischio: minore è la scolarizzazione, maggiore è la percentuale di persone in sovrappeso, con il colesterolo alto, ipertese, e con sintomi di depressione. Passando dagli stili di vita a rischio ai comportamenti sicuri, come l’uso abituale in auto delle cinture di sicurezza posteriori, risulta che sono più prudenti le persone meno giovani e le donne. Il Sistema Passi è un sistema di sorveglianza basato su interviste telefoniche che ha l’obiettivo di effettuare un monitoraggio a 360 gradi sullo stato di salute della popolazione italiana di età compresa tra i 18 e i 69 anni, attraverso la rilevazione sistematica e continua delle abitudini, degli stili di vita e dello stato di attuazione dei programmi di intervento che il Paese sta realizzando per modificare i comportamenti a rischio. Tale esigenza si è manifestata in relazione al fatto che a fronte di un marcato aumento della speranza della vita media, si sono progressivamente intensificate le disuguaglianze di salute che distinguono i Paesi e gli individui in funzione, rispettivamente, della ricchezza nazionale e della posizione socioeconomica individuale. 

 

 

Social
Altro dal blog
La 4° edizione della manifestazione che vede le donne correre per le donne, quest’anno ricorda la mamma stroncata dal male lo scorso 12 agosto.
Incontro informativo con gli specialisti venerdì 25 novembre 2016, organizzato da LILT Conegliano in collaborazione col Comune di Sernaglia della Battaglia.
Presentata ufficialmente oggi l'edizione 2016, a San Vendemiano il 20 novembre. Medicina Moderna contribuisce con il numero dedicato alla donna.
ACCOLTO CON ENTUSIASMO IL PROGETTO CHE VEDE UN GRUPPO DI NARRATORI, QUASI TUTTI DIPENDENTI
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
Rosanna Banfi
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico