MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Radiodiagnostica   Salute e benessere   Tecnologia  

TAC dentale: perchè il mio dentista mi ha prescritto una tac?

Di:
Dott. Massimo PREGARZ

TAC dentale

Senza rischi per il paziente, consente di stabilire la situazione dell’osso mascellare e della mandibola prima di procedere ad un intervento chirurgico, ad esempio nell'implantologia.

Prima di procedere all'impianto dentale, occorre effettuare un'attenta analisi della situazione generale della bocca del paziente, soprattutto per verificare l'eventuale mancanza di osso. La TAC dentale, chiamata anche Cone Beam TC (CBCT), rappresenta un'importante e recente evoluzione tecnica in Radiologia Odontoiatrica, in grado di fornire dettagliate immagini tridimensionali con un'importante riduzione della dose radiante.

 

A cosa serve la TAC dentale?

La TAC dentale è un apparecchio radiologico inventato e sviluppato a Verona agli inizi degli anni ’90 per lo studio del massiccio facciale ad uso odontoiatrico: permette di vedere con molta precisione i denti, l’osso della mascella, della mandibola ed i seni paranasali. Le immagini prodotte vengono visualizzate da un programma chiamato Dentascan.
 

È vero che rappresenta un supporto fondamentale per l'implantologia? In quali casi?

Per l’implantologia questa apparecchiatura è fondamentale, sia per vedere lo stato e lo spessore dell’osso della mascella o della mandibola, ma soprattutto perché permette al chirurgo di preparare al meglio l’intervento e di operare in assoluta sicurezza. È utile anche per i pazienti con poco osso (atrofia dei mascellari) per pianificare gli interventi di incremento di osso (rialzo di seno, innesti ossei) che consentiranno, in un secondo momento, di inserire gli impianti. 


 

Come si svolge l'esame? Comporta dei rischi per il paziente?

Ci sono due tipologie di apparecchiature: quelle con il paziente disteso su un lettino e quelle con il paziente seduto. La qualità delle immagini è identica per entrambe le macchine; ricordiamo però che quelle con il lettino permettono di effettuare anche degli esami per gomiti, polsi, ginocchia e caviglie. Il tempo complessivo per effettuare l’esame è di circa 5 minuti, l'acquisizione dei dati avviene in circa 30-40 secondi, durante i quali il paziente viene invitato a non muoversi. Successivamente, il tecnico prepara le immagini per la refertazione a cura del medico radiologo. Il successo a livello mondiale di questa apparecchiatura è dovuto alla bassa dose di radiazioni: per questo motivo, l'esame può essere effettuato in sicurezza su adulti e bambini, naturalmente se utilizzata da personale qualificato. Inoltre, l'elevata qualità delle immagini permette di usare queste indagini anche per altre applicazioni odontoiatriche e ORL, come riportato nella tabella in basso.

 

Quali sono i benefici garantiti da questa tecnologia?

Da un lato la bassa dose radiante, dall’altro la possibilità di avere a disposizione i dati del massiccio facciale del paziente (imaging 3D) e consentire una serie infinita di elaborazioni al computer, che consentono di trovare la migliore soluzione per ogni problema.


Altro dal blog
La diagnosi precoce del tumore mammario e le nuove terapie hanno permesso di ridurne la mortalità, con una sopravvivenza dell’87% a cinque anni dalla diagnosi e dell’80% a dieci anni.
La densitometria ossea, con una dose minima di raggi X, è in grado di confermare un eventuale dubbio diagnostico di fragilità ossea.
Il 23 settembre è stato annunciato un ulteriore ampliamento che porterà, nel giro di pochi anni, a poter offrire alla cittadinanza padovana un centro di ortopedia da 13mila metri quadri.
Taglio del nastro sabato 23 settembre nella storica sede di Padova. Tra le novità: il nuovo reparto di riabilitazione e la mammografia con tomosintesi.
L'apparato di sostegno del dente, noto come parodonto, è costituito dalla gengiva, da fibre elastiche di collegamento (legamento parodontale), dal cemento radicolare e dall'osso alveolare di sostegno.
Capiamo come, quando e perché sottoporsi a questa metodica, che permette di avere denti fissi e il sorriso definitivo in 24 ore.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico