Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione

UNA PROTESTA VENETA CONTRO LA GIUNTA VENETA

Oggi 16 Luglio il CCRSV “Comitato di Crisi Regionale della Sanità Veneta” darà nuova voce alla protesta contro gli ingenti tagli imposti dalla Regione Veneto alla Sanità ambulatoriale convenzionata.


Oggi 16 Luglio il CCRSV “Comitato di Crisi Regionale della Sanità Veneta” darà nuova voce alla protesta contro gli ingenti tagli imposti dalla Regione Veneto alla Sanità ambulatoriale convenzionata. Questa volta le voci di protesta si leveranno contemporaneamente da più città della Regione, a partire dal territorio padovano, i cui cittadini sono stati tra i più gravemente penalizzati dai tagli inflitti ai servizi sanitari.

 

La protesta nasce dalla mancata attuazione da parte delle Istituzioni preposte, Giunta Regionale e Direttori Generali delle ULSS, di quanto stabilito nell’Accordo imposto senza diritto di replica dalla Regione alle Associazioni di Categoria della sanità convenzionata, accordo dei primi di aprile sottoscritto a malincuore da alcuni firmatari e divenuto Delibera n. 441 con “Oggetto: Specialistica ambulatoriale privata accreditata: accordo contrattuale 2013-2015”. Il mancato rispetto dell’Accordo, che prevedeva lo stanziamento di un extra-budget per mitigate la drasticità dei tagli precedentemente imposti dalla “Delibera taglia sanità” n. 2621 del 18.12.2012, ha fatto venire meno quei presupposti economici che avrebbero permesso alle strutture ambulatoriali convenzionate presenti sul territorio di poter continuare a fornire servizi sanitari in convenzione (che allo stato attuale non verranno riconosciuti e remunerati dal servizio pubblico) nel tentativo di costringerle ad erogare solo servizi privati -cioè a pagamento e non in convenzione-, limitando così il cittadino nei propri diritti alla salute e alla libertà di scelta del luogo di cura e obbligandolo a recarsi nelle strutture centralizzate: ospedali h24, magari di notte e nei giorni festivi, come spesso suggerito con enfasi propagandistica dalla Giunta Veneta.

 

Ma c’è di più, se possibile! Il 18 giugno 2013 con Delibera della Giunta Regionale 68/CR vengono rese pubbliche, oltre alle Schede ospedaliere, anche le tanto attese “Schede di dotazione territoriale delle unità organizzative dei servizi e delle strutture di ricovero intermedie”, che rappresentano la programmazione dettagliata della sanità futura nel territorio veneto. All’interno di tali schede, le circa 300 strutture sanitarie ambulatoriali accreditate a gestione privata del Veneto, che forniscono circa 22.000 prestazioni sanitarie al giorno, non vengono nemmeno citate e risultano totalmente scomparse, nonostante fossero presenti nel Piano Socio-Sanitario Regionale 2012-2016. Difficile pensare ad una svista; più probabile ritenere ormai “decretata” nella visione futura della Giunta Regionale la fine della sanità ambulatoriale convenzionata con la sua rete di aziende private che, assieme al pubblico, rappresentano un modello misto noto per essere tra i migliori d’Italia e d’Europa, con ripercussioni gravissime di tipo occupazionale ma anche per la qualità dei servizi sanitari e per la sicurezza del paziente, concetti anch’essi praticamente assenti nelle schede territoriali recentemente pubblicate dalla Regione.

 

Quindi, in risposta agli sviluppi drammatici di questi giorni, il CCRSV e gli imprenditori del settore, d’ora in avanti fianco a fianco, hanno deciso di mobilitarsi e dare avvio ad un nuovo periodo di proteste e di resistenza agli attacchi a partire dalla giornata di eventi organizzata per il giorno 16 Luglio. In particolare sono in programma per Martedì 16 una serie di iniziative sparse sul territorio veneto in contemporanea, documentate e trasmesse in streaming durante la conferenza stampa fissata tra le ore 11 e mezzogiorno presso la Sala Livio Paladin di Palazzo Moroni a Padova, iniziative programmate e introdotte dai portavoce del CCRSV presenti presso le diverse location che risponderanno alle domande dei giornalisti. Il programma delle iniziative di Martedì 16 Luglio è il seguente:

 

- ore 9:30 - 9:45 – Time out di 15 minuti nelle strutture ambulatoriali convenzionate in segno di protesta;

- ore 10:00 - 13:00 – Raduno a Campo S.Tomà a Venezia e invio di una delegazione presso la Giunta Regionale a Palazzo Balbi;

- ore 10:30 - 13:00 – Presidio davanti a ULSS 16 di Padova;

- ore 10:30 - 13:00 – gazebo simbolico a Godega di Sant'Urbano (TV), cittadina di residenza del Governatore della Regione;

- ore 10:30 - 13:00 – gazebo simbolico a Brendola (VI), cittadina di residenza del Segretario Regionale alla Sanità;

- ore 10:30 - 13:00 – gazebo simbolico a Montegrotto Terme (PD), cittadina di residenza del Presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale veneto;

- ore 10:30 - 13:00 – gazebo simbolico a Valeggio sul Mincio (VR), cittadina di residenza dell’Assessore alla Sanità del Veneto;

- ore 11:00 – Incontro del CCRSV e degli imprenditori con il Sindaco di Padova presso il Comune di Padova;

- ore 11:00 – Incontro del CCRSV e degli imprenditori con il Presidente della Provincia di Padova.

 

 

Quanto previsto per il giorno 16 Luglio è solo l’inizio e inaugura una nuova stagione di proteste che durerà fino all’ottenimento del giusto riconoscimento del ruolo centrale del comparto della Sanità privata convenzionata e della sua importanza per assicurare una risposta adeguata ai bisogni di salute dei cittadini. Le iniziative di protesta, da questo momento, verranno portate avanti in comune accordo da CCRSV e imprenditori del settore che, allo stato attuale delle cose, si trovano drammaticamente costretti a un’inedita e sofferta “Chiusura per Ferie” nel mese di Agosto. A tale proposito si riporta l’elenco in continua crescita delle aziende che chiuderanno nel mese di Agosto e che, come nel caso di Padova, rappresenta già più del 90% dei servizi sanitari convenzionati: GVDR, Cadoneghe (PD) CEAM Lab. Analisi, Scorzè (VE) CEMES srl, Padova Centro Medico Serena, Padova Centro di Attività Motorie, Rovigo Centro Medico di Fisioterapia, Padova Centro SS. Trinità, Padova Citotest Laboratorio Analisi, Sarmeola di Rubano (PD) Data Medica spa, Padova Euganea Medica srl, Padova Fisiomed RS 25, Padova Fisioterapica Medica Studi e Ricerche srl, Padova Gruppo Pavanello Sanità, Padova Gruppo I-Med, Padova IDA spa, Padova Bordin Dr.ssa Anna, Ponte S. Nicolò (PD) Istituto Sherman, Venezia Istituto Soncin, Padova Poliambulatorio Arcella sas, Padova Radiologia Clinica srl, Padova Radiologia Specialistica Prof. Stelio Vio sas, Padova Studio Fisioterapico Riviera srl, Mira (VE) Studio Radiologia Diagnostica srl, Padova

 

pagina facebook: http://www.facebook.com/CdcComitatoDiCrisiSanitaVeneta

e-mail: c.crisi.sanitaveneta@gmail.com

sito web: www.ccrsv.it

Social
Altro dal blog
Unione tra due realtà leader della sanità privata in Veneto
LA PROTESTA A PADOVA E IN ALTRI NOVE PUNTI "CALDI", CONTRO I TAGLI
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico