Loading...

Ricostruzione del capezzolo con impianto di protesi

La protesi per la ricostruzione del capezzolo aiuta la donna a ritrovare sicurezza e femminilità dopo il tumore al seno.
Dott. Nicola Balestrieri Dott. Nicola Balestrieri Visualizza il profilo del medico e richiedi maggiori informazioni

Vuoi approfondire questa tematica o hai bisogno di un consulto medico in Senologia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino


Dott. Nicola Balestrieri
Dott.

Nicola Balestrieri

Richiedi visita

Come ci spiega il Dott. Nicola Balestrieri, senologo, la ricostruzione del complesso areola-capezzolo è la tappa finale di un precorso terapeutico che parte dalla rimozione chirurgica di un tumore al seno.
La mastectomia ha un forte impatto psicologico sulla donna che, oltre alla paura per la malattia e per l'aspettativa di vita, vede un’importante alterazione del proprio corpo che pregiudica l’autostima, la percezione di sé e della propria femminilità.

La struttura Centro di medicina di Villorba (TV) è l'unico centro in Italia che mette a disposizione questa tecnica innovativa.
 

La protesi del capezzolo per un seno più naturale

La protesi del capezzolo FixNip™ rivoluziona la metodologia tradizionale di ricostruzione mammaria che, solitamente, utilizza il tatuaggio o l’impianto di tessuto autologo prelevato dall’inguine per ricreare la simmetria tra i due seni.

Con l’utilizzo della protesi è possibile recuperare l’aspetto e la sensazione tattile di un capezzolo naturale: si tratta di un dispositivo in silicone medicale che poggia su una struttura meccanica in nitinol, una lega di nichel e titanio che garantisce la stabilità della protesi e risolve il problema della  perdita di proiezione nel tempo.


L’intervento di ricostruzione del capezzolo

È un intervento mininvasivo di tipo ambulatoriale, praticato in anestesia locale. La consistenza della protesi permette un inserimento facilitato e la sua forma assicura stabilità nel posizionamento.

Ha una durata di circa 15 minuti in cui il chirurgo:

  • pratica un’incisione nella pelle di circa 15-25 mm
  • crea una tasca sottocutanea
  • posiziona la protesi nello strato adiposo sottocutaneo
  • sutura l’incisione

Questo intervento va eseguito dopo la guarigione della donna e alla fine dei trattamenti di chemioterapia e radioterapia, almeno 6 mesi dopo la ricostruzione, quando i tessuti si sono ristabiliti.
 

La dermopigmentazione dell’areola e del capezzolo

Dopo la cicatrizzazione dell’incisione praticata per inserire la protesi (all’incirca 2 mesi) sarà possibile eseguire il tatuaggio medicale necessario per armonizzare il colore della zona con quello del seno naturale.

Con questo trattamento il seno della donna riprenderà il più possibile un aspetto simile a com’era prima della malattia aiutandola a superare il vissuto delle cure e a riacquistare sicurezza e fiducia.

Guarda altri video con gli stessi TAG
senologiasenodott. nicola balestrieri
Dott. Nicola Balestrieri Dott. Nicola Balestrieri
Dott.

Nicola Balestrieri

Hai bisogno di un consulto medico in Senologia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita
Richiedi una visita o prenota un videoconsulto con uno specialista di fiducia.
Prenota

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top