MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Laser   Ortodonzia   Tecnologia  

La terapia parodontale laser assistita

Di: Dott. Fausto SCHENARDI

LA TERAPIA PARODONTALE LASER ASSISTITA

Per curare i disturbi gengivali un metodo innovativo

Una tecnica innovativa non chirurgica in grado di identificare e colpire solamente i tessuti parodontali malati, eliminandone la componente batterica.

 

 Dottor Schenardi, quali sono i disturbi gengivali che possono esser trattati con il laser? 

Gengive gonfie, sanguinanti, dolenti, quindi perdita di attacco e formazione di tasche fino alla mobilità del dente e alla sua perdita; questi sono i sintomi della patologia gengivale conosciuta dal grande pubblico come “piorrea”. L’importanza di intervenire nel caso in cui si presentino questi segnali è verificato da Studi scientifici che confermano una stretta correlazione tra malattia gengivale e malattie cardiache, polmonari e, non ultimo, parti prematuri. 

La terapia parodontale laser assistita come agisce? 

Viene utilizzata una fibra portatrice di energia laser che grazie all’azione fototermolitica del laser diodo determina la distruzione della componente batterica nella tasca, l’eliminazione del tessuto infetto, la stimolazione di un nuovo collagene e quindi il ripristino funzionale dei tessuti. La decontaminazione e la formazione di nuovo attacco porteranno alla scomparsa della tasca evitando l’intervento chirurgico. 

Quali sono i vantaggi? 

Fino ad ora la terapia di mantenimento veniva praticata esclusivamente con un azione meccanica con l’utilizzo di strumenti manuali e ultrasonici e, quando questa non bastava, era inevitabile il passaggio alla terapia chirurgica, pagando quindi un prezzo biologico alto dovuto in parte alla necessità di tagliare la gengiva e in parte provocando un notevole disagio per il paziente che doveva subire l’anestesia, l’incisione, la sutura e una lunga e complessa guarigione. 

L’utilizzo del laser è doloroso? 

Nella maggior parte dei casi non è neppure necessaria l’anestesia in quanto l’energia del laser ha un effetto antidolorifico agendo sulle terminazioni nervose e inibendole. Con l’uso di un particolare manipolo detto “Onda Piana” è perfino possibile esercitare a distanza, senza neanche toccare la gengiva, un’azione di biostimolazione che agisce inibendo l’infiammazione e stimolando la formazione di nuovo collagene, consentendo una guarigione rapidissima e indolore. 

Quante sedute sono necessarie? 

In alcuni casi una sola seduta è sufficiente, in altri casi due o tre richiami nel corso dei mesi sono opportuni per chiudere il ciclo di terapia. 

L’impressione è che si tratti di una terapia costosa, è vero? 

Al contrario! L’utilizzo del laser evita il 90% degli interventi di chirurgia delle tasche che, nell’ambito della malattia gengivale, rappresentano il maggior costo, ed inoltre permette di ridurre il numero delle sedute di igiene meccanica tradizionale. Direi quindi che si tratta di una terapia a maggior ragione economica e vantaggiosa per il paziente. 

Per utilizzare il laser è necessario possedere una formazione particolare? 

Pur essendo vero che alcuni laser come il diodo sono di più rapido apprendimento, resta il fatto che per utilizzare una tecnologia così sofisticata è sicuramente preferibile una formazione specifica come il Master in laserterapia all’Università di Genova che ho avuto l’onore di frequentare sotto la guida del Prof. Benedicenti padre fondatore della terapia laser. 

 

Dott. Fausto Schenardi – Implantologo a Conegliano
Hai bisogno di un consulto in
Odontoiatria
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Fausto SCHENARDI    
Altro dal blog
I trattamenti laser per le malattie della retina, i casi di glaucoma grave e post cataratta.
L'approccio fisiatrico al dolore, terapie fisiche e farmacologiche
Il Cross linking, grazie alla tecnologia si può evitare il trapianto di cornea.
La laparoscopia robot-assistita è l'evoluzione più moderna della tecnica nel trattamento chirurgico del tumore prostatico.
La recessione gengivale è associata a molteplici disturbi come ipersensibilità dentinale, infiammazione locale ed evidente inestetismo.
COME MANTENERE SANE LE GENGIVE
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico