Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Sport  

Antonio Tony Cairoli: la mia vita tra gare e pannolini

Antonio Tony Cairoli: la mia vita tra gare e pannolini

La sua carriera è costellata da grandi successi, come i 9 titoli di Campione del Mondo di Motocross, ma la vittoria più bella sta per arrivare: la futura nascita di suo figlio!

Sei uno dei più grandi piloti di motocross di tutti i tempi. era questo il tuo sogno sin da bambino?
Si, sin da piccolo sognavo di fare del motocross il mio lavoro. Magari nei primi anni non sognavo proprio di vincere un mondiale, ma di diventare un professionista, quello si. La Sicilia degli anni '80 era un realtà molto distante da quella degli scenari iridati ma papà, che era un grande appassionato di moto e avrebbe voluto fare il pilota se la sua famiglia se lo fosse potuto permettere, promise a se stesso che se avesse avuto un figlio maschio lo avrebbe fatto avvicinare alle corse in moto....e così è stato! Un mio cugino praticava motocross e la cosa mi piacque moltissimo così, quando papà venne a casa con una mini moto per me, iniziai subito a correre....e non mi sono ancora fermato!

Qual è l’aspetto del tuo lavoro che più ti piace ed il momento che rimane indelebile nella tua memoria?
Risposta scontata forse, ma la cosa che mi piace di più al monto è andare in moto e, fino a quando mi divertirò a gareggiare, non mi fermerò. Di momenti memorabili ne ho vissuti molti per fortuna, ma se dovessi sceglierne uno...direi la futura nascita di mio figlio. Mia moglie Jill è incinta e a fine stagione arriverà il nostroprimogenito...non so come sarà, faccio fatica ad immaginarmelo ma, di fronte all’arrivo di un figlio, non mi vengono in mente momenti più indimenticabili!

Se non fossi diventato pilota, come sarebbe oggi la tua vita?
Sicuramente molto diversa, non saprei come sarebbe ma credo avrebbe comunque a che fare con lo sport. Mi piacciono un po’ tutte le discipline e ne pratico molte con un discreto successo. Forse avrei tentato la strada del calcio, che è uno di quelli che amo di più praticare.

Sulle pagine della nostra rivista trattiamo di salute e benessere. Che rapporto hai con i medici che ti hanno seguito durante gli infortuni?
Difficile rispondere! Ovviamente sono profondamente grato loro per il lavoro che hanno fatto con me, ma cerco di frequentarli il meno possibile visto che, per uno sportivo, un infortunio rappresenta una sconfitta. Purtroppo questa è una domanda piuttosto attuale, visto che mi sono lussato una spalla in Lettonia durante il nono Gran Premio dell’anno. Questo infortunio mi terrà lontano dalle gare sino a fine stagione.

Per la tipologia di lavoro che svolgi, segui uno stile di vita rigoroso oppure sei “genio e sregolatezza”?
Sono una via di mezzo tra rigore e “genio e sregolatezza”. Ovviamente non faccio i salti mortali prima di una gara o durante una stagione di Mondiale, ma sono piuttosto rilassato, lo sono sempre stato, anche se con l’avanzare dell’età tendo ad essere un po' più rigoroso. Non ho mai avuto un nutrizionista o un preparatore atletico e posso dire di essere sempre stato in grado di capire cosa servisse al mio corpo per rendere al meglio.

Cosa consiglieresti ad un giovane che approccia per la prima volta il motocross?
Di farlo solo per puro divertimento, perché è tutto nello sport. Mai iniziare a praticarne uno pensando di arrivare chissà dove: seguire i sogni va bene ma i giovani dovrebbero fare sport soprattutto per stare bene e divertirsi. Il Motocross è meraviglioso, ma richiede tanta preparazione fisica e un equipaggiamento completo per guidare sempre in massima sicurezza: con la moto non si scherza!

​Smessi i panni da pilota, come passi il tuo tempo libero?
Faccio molte cose e ho molte altre passioni. Essendo nato davanti alle isole Eolie, mi piace molto il mare, ed io e mia moglie abbiamo scelto la nostra casa proprio davanti al mare, così appena posso scappo a pescare o a fare un bagno. Lì mi riconcilio con la vita e ritrovo silenzio e calma. Poi amo molto giocare a calcio con gli amici e allenarmi a fare il deejay mettendo su buona musica. Non ultimo, mi diletto con discreto successo ai fornelli.

Pensi mai alla tua carriera dopo le gare? Vorresti rimanere in questo mondo?
Ancora non ho iniziato a pensarci seriamente, anche se un’idea me la sono fatta e credo resterò nell’ambiente al quale ho dato tutto e al quale devo molto. Magari mi occuperò di far crescere i giovani, o lavorerò nel team nel quale corro da sedici anni.


ANTONIO “TONY” CAIROLI
Nato a Patti (ME) il 23 settembre del 1985, muove i primi passi nel minicross alla tenera età di 4 anni, e già a 7 vince i suoi primi titoli regionali. Dopo oltre 20 anni, e con all’attivo ben 9 Campionati del Mondo, oggi è uno dei più grandi piloti di motocross di tutti i tempi. Sposato con Jill Cox, tra qualche mese diventeranno genitori del loro primo genito, sicuramente la vittoria più bella della coppia.

 

Foto credits: Stefano Taglioni
Social
Altro dal blog
La stagione è ricominciata con un titolo internazionale: Maja Perinovic campionessa su strada di Croazia
Presenti alla iniziativa il Presidente della commissione Consiglio regionale sport del Veneto Alberto Villanova e gli assessori del Comune di Villorba Francesco Soligo e Egidio Barbon
Analizziamo le tecniche di chirurgia refrattiva con particolare attenzione a chi pratica attività sportiva
L’incontro aperto a tutti si tiene martedì 14 luglio alle 18 in piazza Rinaldi
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico