Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Sport  

Martina Bestagno Reyer Venezia: il futuro dello sport è rosa

martina-bestagno-reyer-venezia

Martina, campionessa italiana di basket con la Reyer Venezia, di cui è capitana, ci racconta la sua carriera, evidenziando le differenze tra il campionato italiano e quello straniero. Inoltre, affronta il tema del ruolo delle donne nel management sportivo

La tua altezza (1.89m n.d.r.), soprattutto da piccola, ti ha creato dei problemi?

Da piccola ero molto più alta di qualsiasi mio compagno e, già alle elementari, sembravo più la mamma che una compagna. C’era chi diceva “non può avere 8 anni…”. Essendo sensibile, sentivo i commenti e ci rimanevo male, ma poi ho iniziato a considerare la mia altezza come una mia qualità ed un punto di forza.

Come ti sei avvicinata alla pallacanestro?

Siamo tutti alti in famiglia ed i miei genitori già da piccola mi hanno portato in palestra per giocare a basket, e me ne sono subito innamorata!

Hai praticato anche altri sport?

No, non ho praticato altri sport, anche se ho provato nuoto ed atletica.

Avendo giocato sia in Italia che all’estero, hai notato delle differenze nel basket professionistico femminile?

Sì, ho giocato in Spagna, Belgio e Repubblica Ceca. Soprattutto in Belgio e Repubblica Ceca c’è un numero limitato di straniere che possono giocare, c’è quindi una maggiore tutela per le giocatrici nazionali.

Com’è stato poi tornare in Italia?

È sempre bello tornare in Italia. Ho voluto provare l’esperienza all’estero per uscire dalla mia confort zone, e questo mi ha insegnato tanto. L’Italia però rimane sempre il paese più bello per tutto, soprattutto il cibo.

Ai recenti Giochi Olimpici di Tokyo 2020 non era presente il basket femminile….

Purtroppo no. C’è da lavorare molto, ma abbiamo grandi margini di miglioramento. In Italia, però, abbiamo la tendenza a rimandare. Possiamo fare molto, e credo che il futuro dello sport sia rosa.

Cosa pensi delle quote rosa nel management sportivo?

Bisognerebbe allontanarsi dal concetto di quote rosa e basarsi sulle qualità e non se si è uomo o donna. Si dovrebbe riportare tutto sulla meritocrazia, indipendentemente dal sesso.

Quanto è importante la preparazione fisica?

È fondamentale. In un anno ci sono solo 2 settimane in cui non faccio niente. Quando non mi alleno, però, sto male. Mi serve per stare bene, aldilà della componente sportiva.

Oltre ai controlli medici per la tua professione, fai anche altre visite?

Avendo passato i 30 anni, faccio periodicamente il pap test. La salute deve essere la priorità per ogni donna, per questo faccio check up periodici. Un giorno vorrei diventare mamma, quindi controllarsi è fondamentale.

Cosa suggeriresti alle ragazzine che si voglio avvicinare al basket?

Di mettere tutto il loro impegno, non limitarsi a fare le cose al 50%, e divertirsi. Bisogna trovare il divertimento anche nelle difficoltà, questo aiuta a crescere. Lo sport dà dei grandi insegnamenti che sono utili nella vita. Quindi fate sport, anche se non è basket, l’importante è praticare attività sportiva.

LA PROTAGONISTA
Martina Bestagno (Sanremo, 14 agosto 1990) è una giocatrice di pallacanestro italiana che ha mosso i suoi primi passi nel Basket Spezia Club. Ala grande-centro ha giocato anche nei campionati spagnolo, belga e ceco. Dal 2017 è capitana della Reyer Venezia, con cui ha conquistato la Supercoppa e lo Scudetto nell’ultima stagione 2020/2021.

Foto Credit: Umana Reyer - Ciamillo/Castoria

Social
Altro dal blog
Troppo spesso ci si chiede cosa sia appropriato e cosa non lo sia per le persone con il diabete. La risposta è semplice: esse possono fare la maggior parte delle cose che sono adatte a quasi tutta la popolazione, a patto che si curino bene.
Lo sport rappresenta un’importante fonte di prevenzione, e deve essere praticato con criteri opportuni, senza esagerare e travalicare quelle che sono le risorse del proprio organismo
Le lesioni meniscali rappresentano circa i 2/3 di tutti gli infortuni al ginocchio e sono più comuni nei maschi
Massimiliano Ossini, presentatore televisivo, marito e papà, è famoso al grande pubblico per trasmissioni rivolte ai ragazzi ed alla famiglia. Il suo modo estremamente gentile, empatico e professionale, gli permette di “bucare lo schermo” ed essere apprez
Si terrà mercoledì 10 novembre alle ore 18 ad ingresso gratuito
In questo numero l'intervista a Rosanna Banfi, che condivide con tutti noi la sua esperienza con il tumore al seno
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
Rosanna Banfi
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico