Loading...
Noduli alla tiroide: cosa sono e quando bisogna preoccuparsi?

Noduli alla tiroide: cosa sono e quando bisogna preoccuparsi?

I noduli alla tiroide sono una patologia molto diffusa nella popolazione che merita una gestione aggiornata e moderna.

La tiroide è una ghiandola situata nel collo, la cui funzione è quella di produrre gli ormoni tiroidei che hanno un ruolo chiave nel regolare il metabolismo e la funzione cellulare. A volte nella tiroide possono formarsi dei noduli che, se di discrete dimensioni, possono essere avvertiti palpando la regione anteriore del collo.
 

Che cosa sono i noduli alla tiroide?

Sono degli aggregati di cellule tiroidee che si uniscono tra loro rispetto al restante tessuto. Senza paura, li possiamo definire a tutti gli effetti dei tumori della tiroide, nella maggioranza dei casi (oltre il 90%) di natura benigna.
 

Quanto sono diffusi nella popolazione e chi è maggiormente a rischio?

Sono molto diffusi, e la prevalenza aumenta con l’aumentare dell’età. Dopo i 50 anni circa una persona su due ha un nodulo tiroideo, di cui spesso si ignora l’esistenza, identificabile però durante l’ecografia.
Il sesso femminile è più interessato e la predisposizione genetica ha un ruolo chiave: capita spesso, infatti, di vedere diversi membri di una stessa famiglia affetti da noduli tiroidei. Anche i fattori nutrizionali, in particolare la carenza di iodio, hanno un ruolo molto importante nello sviluppo dei noduli tiroidei.
 

Come si contrasta la carenza di iodio?

Innanzitutto sfatiamo un mito: lo iodio non si respira abitando al mare, ma si introduce con gli alimenti.
Le persone che vivono al mare hanno un apporto nutrizionale di iodio superiore a chi vive in montagna perché mangiano più spesso cibi ricchi in iodio (es. pesce di mare, molluschi, etc).

Le zone interne del Veneto sono aree storicamente a carenza iodica, e questo contribuisce al fatto che molte persone abbiano noduli tiroidei, spesso senza saperlo. Esiste tuttavia un modo molto efficace per contrastare questa carenza: consumare il sale iodato nella dieta di tutti i giorni. Questa semplice ed economica misura ha permesso negli ultimi anni di contrastare la carenza iodica in Italia, riducendo il numero di pazienti affetti da noduli tiroidei.
 

Quali sono i sintomi dei noduli alla tiroide? 

I noduli tiroidei non danno quasi mai sintomi. La maggior parte viene scoperta casualmente nell’ambito di esami radiologici eseguiti per lo studio di altre problematiche o in pazienti che, per familiarità, decidono di sottoporsi ad un’ecografia di screening.

Nel caso di noduli voluminosi, il paziente può accorgersi visivamente o alla palpazione di un “bozzo” nella regione del collo e, se i noduli sono davvero grandi, possono insorgere sintomi compressivi come difficoltà nella deglutizione o nella respirazione.
Inoltre, soprattutto nei soggetti più anziani, i noduli tiroidei possono causare ipertiroidismo con comparsa di tremori, agitazione e perdita di peso.
 

Che cosa bisogna fare quando si scopre di avere un nodulo tiroideo?

La sua scoperta crea solitamente ansia e preoccupazione, ed occorre rivolgersi ad uno specialista endocrinologo. Sarà infatti compito dello specialista valutare ecograficamente le dimensioni e le caratteristiche dei noduli, studiare il funzionamento della ghiandola, indicare se eseguire o meno l’agoaspirato e, infine, scegliere il trattamento più indicato.
 

I noduli alla tiroide sono tutti uguali?

No, non sono tutti uguali e devono essere sempre valutati nel singolo paziente.
Negli ultimi anni la gestione della patologia nodulare è cambiata in modo molto sostanziale sia in termini diagnostici (es. a chi fare l’agoaspirato e a chi no) sia in termini terapeutici.

È quindi fondamentale che il paziente si rivolga ad endocrinologi aggiornati che afferiscono a centri altamente specializzati nella gestione della patologia nodulare tiroidea, in grado di offrire il percorso diagnostico e terapeutico più idoneo.


Leggi altri articoli con gli stessi TAG
EndocrinologiaTiroidedott. Alessandro Brancatella
Dott. Alessandro Brancatella Dott. Alessandro Brancatella
Dott.

Alessandro Brancatella

Hai bisogno di un consulto medico in Endocrinologia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top