Loading...
La rieducazione posturale: cos’è e quando è necessaria

La rieducazione posturale: cos’è e quando è necessaria

Quando la postura è compromessa, la rieducazione posturale può riallineare l'apparato muscolo-scheletrico. Ne parliamo con la Dott.ssa Elisa Pasqualetto, fisiatra.

Ascolta l'audio dell'articolo La rieducazione posturale: cos’è e quando è necessaria
0:00:00

La Rieducazione posturale è un approccio terapeutico che mira a correggere e migliorare la postura del corpo. Questo processo coinvolge una serie di esercizi, attività e consapevolezza del corpo per correggere abitudini scorrette e promuovere un allineamento migliore delle sue diverse parti.

Esaminiamo l'importanza della rieducazione posturale nell'affrontare i problemi muscolo-scheletrici, evidenziando approcci quali il Metodo Mézières, la Ginnastica Posturale, il Metodo Feldenkrais. Trattiamo i principi fondamentali, tra cui l'allineamento della colonna vertebrale, l'equilibrio muscolare, la consapevolezza corporea e come la rieducazione posturale possa migliorare la postura, alleviare il dolore e prevenire disfunzioni future. 

1 Cos'è la rieducazione posturale?

La rieducazione posturale, meglio nota come Ginnastica Posturale, è nata nel 1947 in Francia, inventata da una fisioterapista chiamata Francoise Mézières. È una metodica specifica che consiste in una serie di esercizi atti a riequilibrare le tensioni muscolo-legamentose del corpo. La Dott.ssa Mézieres spiegava come “la struttura governa la funzione, pertanto, per avere una corretta funzionalità del nostro corpo, bisogna intervenire nella struttura”. 

L'obiettivo della rieducazione posturale è riportare la persona a una corretta posizione allineando la struttura muscolo-scheletrica. Questo può essere particolarmente utile per le persone che hanno una postura compromessa a causa di un evento traumatico, di patologie o che mantengono posture non ergonomiche protratte per motivi legati al lavoro o abitudini scorrette.

Intraprendere la strada dell’esercizio posturale non è indicato solo per chi ha evidenti alterazioni del sistema muscolo-scheletrico, ma anche a tutte le quelle persone sedentarie che non svolgono attività fisica o che l’hanno interrotta da tempo.

2 Cos’è la postura?

Per postura si intende la posizione del corpo in un dato momento, specialmente in relazione alla gravità, ovvero l’atteggiamento del corpo nel confronto con l’ambiente e deriva da informazioni che riceviamo dai nostri sensi.
È la posizione assunta dal corpo in uno spazio tridimensionale e coinvolge la disposizione e l'allineamento delle diverse parti del corpo, come la testa, il collo, le spalle, la colonna vertebrale, le braccia e le gambe.

Cosa dice la postura di una persona? Si dice che la postura sia lo specchio dell’anima e il nostro corpo riflette emozioni e sentimenti sia quando camminiamo che quando siamo seduti o ci muoviamo.

Una buona postura è importante per il benessere fisico, poiché può influenzare:

  • la salute delle articolazioni
  • la funzione muscolare
  • la capacità di muoversi in modo efficiente

Spesso, mantenere una postura adeguata, specialmente nelle attività quotidiane, come stare seduti al computer, sollevare pesi o semplicemente camminare, può richiedere un certo grado di consapevolezza.

3 Cosa determina una buona postura?

Una buona postura è determinata da diversi fattori che contribuiscono a un allineamento equilibrato e naturale del corpo. Alcuni dei principali elementi che influenzano una buona postura includono:

  • Allineamento della Colonna Vertebrale: la colonna vertebrale dovrebbe mantenere una curva naturale che rispetti le sue curve fisiologiche. Una buona postura sostiene l'allineamento corretto delle vertebre cervicali (collo), toraciche (parte superiore della schiena) e lombari (parte bassa della schiena).
     
  • Equilibrio Muscolare: un equilibrio adeguato tra i muscoli agonisti (quelli che svolgono una determinata azione) e i muscoli antagonisti (quelli che svolgono un'azione opposta) è essenziale per una buona postura. Muscoli ben equilibrati contribuiscono a sostenere il corpo in modo armonioso.
     
  • Centro di Gravità: il corpo dovrebbe essere posizionato in modo tale che il centro di gravità sia in una posizione stabile. Questo contribuisce a ridurre lo sforzo muscolare e a prevenire lo stress eccessivo su specifiche parti del corpo.
     
  • Articolazioni in Allineamento: le articolazioni dovrebbero essere allineate correttamente. Un buon allineamento articolare contribuisce a un movimento fluido e riduce il rischio di tensioni e lesioni.
     
  • Consapevolezza Corporea: la consapevolezza corporea è la capacità di essere consapevoli della propria postura e apportare correzioni quando necessario. È spesso sviluppata attraverso esercizi di consapevolezza e pratica di una postura corretta nelle attività quotidiane.
     
  • Forza e Flessibilità Muscolare: una buona postura richiede muscoli sufficientemente forti per sostenere il corpo e muscoli sufficientemente flessibili per consentire un movimento fluido. Gli esercizi di rafforzamento e stretching possono contribuire a raggiungere questo equilibrio.
     
  • Ambiente Ergonomico: un ambiente di lavoro o una postazione ergonomici possono facilitare una buona postura. Sedie e scrivanie adeguate, monitor posizionati correttamente e altre considerazioni ergonomiche possono ridurre lo stress posturale.
     
  • Scarpe Adeguate: le calzature possono influenzare la postura. Indossare scarpe con un supporto adeguato dell'arco plantare e un tacco moderato può contribuire a mantenere una postura equilibrata.

4 Quando serve la rieducazione posturale?

È necessaria quando si evidenziano particolari problemi alla colonna vertebrale e alla postura dovuti alla sedentarietà oppure a interventi chirurgici.Traumi o abitudini scorrette, protratte nel tempo, possono rendere necessario un percorso di rieducazione posturale.

In particolare, dopo interventi di protesi d’anca, di ginocchio od operazioni che possono andare a modificare la camminata.

Attività lavorative sedentarie, davanti a un computer o, al contrario, lavori che richiedono il sollevamento di carichi pesanti causano squilibri muscolari che sfociano in dolorose contratture e degenerazioni di tipo artrosico.

5 Quali sono i principi della rieducazione posturale?

La rieducazione posturale viene svolta da un fisioterapista o da un laureato in scienze motorie e ha l’obiettivo di restituire lunghezza e mobilità ai muscoli e si basa su alcuni principi come:

  • Consapevolezza corporea: uno degli aspetti chiave della rieducazione posturale è sviluppare una consapevolezza più approfondita del proprio corpo e delle abitudini posturali. Ciò implica essere consapevoli della posizione di testa, collo, spalle, colonna vertebrale, bacino e arti in diverse attività quotidiane.
     
  • Allineamento ottimale: promuovere l'allineamento corretto delle diverse parti del corpo durante le attività quotidiane e il riposo. Ciò implica mantenere la colonna vertebrale in una posizione neutra, evitare curve eccessive o deviazioni dalla postura naturale.
     
  • Equilibrio muscolare: favorire un equilibrio tra i muscoli antagonisti (muscoli che svolgono funzioni opposte) per prevenire squilibri che possono influire sulla postura. Ciò può includere esercizi per rafforzare i muscoli deboli e allungare quelli tesi.
     
  • Mobilità articolare: promuovere la flessibilità e la mobilità delle articolazioni per consentire un movimento fluido e naturale. L'allenamento della mobilità articolare può contribuire a prevenire rigidità e tensioni muscolari associate a una postura scorretta.
     
  • Esercizi specifici: incorporare esercizi mirati per rafforzare i muscoli deboli, migliorare la flessibilità e allenare il corpo a mantenere una postura corretta. Gli esercizi possono essere adattati alle esigenze individuali del paziente.
     
  • Ergonomia: fornire consigli sulla configurazione di ambienti di lavoro e posizioni di seduta che promuovano una postura corretta. Questo può includere l'uso di sedie ergonomiche, schermi al livello degli occhi e tavoli di lavoro ad altezza adeguata.
     
  • Applicazione pratica: trasferire i principi appresi durante la rieducazione posturale alle attività quotidiane. Questo può richiedere la pratica costante di nuove abitudini posturali e la consapevolezza dell'allineamento del corpo in diverse situazioni.

6 Quali sono le tipologie di rieducazione posturale?

Esistono diverse metodologie e approcci di rieducazione posturale, ognuno con le sue caratteristiche specifiche. Alcuni dei metodi più conosciuti includono:

  • Mézières: si concentra sull'allungamento globale del corpo, l'individuazione delle catene muscolari e l'uso di esercizi specifici e personalizzati.
     
  • Feldenkrais: si basa sull'apprendimento attraverso il movimento. Utilizza esercizi di consapevolezza del movimento per migliorare la consapevolezza corporea, la flessibilità e la coordinazione.
     
  • Egoscue: è un approccio che coinvolge esercizi specifici e posture progettate per correggere gli squilibri muscolari e ripristinare l'allineamento naturale del corpo.
     
  • Alexander: si concentra sulla consapevolezza della postura e del movimento. Gli individui imparano a riconoscere e correggere le abitudini posturali dannose attraverso l'attenzione alla testa, al collo e alla colonna vertebrale.
     
  • Busquet: Jean-Pierre Barral, un osteopata, ha sviluppato il Metodo Busquet che coinvolge la valutazione manuale delle strutture del corpo e l'uso di tecniche manuali per migliorare la postura e la funzione muscolo-scheletrica.
     
  • Pilates: noto anche come un sistema di esercizi per il fitness, molti esercizi di Pilates sono progettati per migliorare la forza del "core" e la consapevolezza del corpo, contribuendo indirettamente a una migliore postura.
     
  • Rieducazione Posturale Globale: enfatizza l'importanza delle catene muscolari globali e mira a correggere gli squilibri attraverso esercizi specifici e la consapevolezza posturale.
     
  • Rolfing: l’ Integrazione Strutturale Rolf, è una forma di terapia manuale che si concentra sulla manipolazione del tessuto connettivo per migliorare l'allineamento e la postura.
     
  • Souchard: è basato sulla ginnastica posturale globale e si concentra sul rafforzamento muscolare, l'allungamento e la correzione degli atteggiamenti posturali scorretti.

La scelta di un approccio di rieducazione posturale dipende dalle esigenze individuali, dalle condizioni di salute e dalla preferenza personale.

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
dott.ssa elisa pasqualettoposturariabilitazione
Dott.ssa Elisa Pasqualetto Dott.ssa Elisa Pasqualetto
Dott.ssa

Elisa Pasqualetto

Hai bisogno di un consulto medico in Fisiatria?

Verifica la disponibilità di una visita medica, in video o in un centro medico a te vicino, con uno dei nostri specialisti selezionati

Verifica disponibilità
Richiedi videoconsulto

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna

Iscriviti alla newsletter

Scarica l'ultimo numero della rivista Medicina Moderna e rimani sempre aggiornato sui webinar e tutte le iniziative in tema di salute

Top