Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Geriatria   Medicina interna    Nefrologia   Salute e benessere  

Anoressia e conseguenze sulla massa ossea

Dott. Paolo Morachiello - Medicina Interna, Nefrologia e Geriatria
Dott. Paolo MORACHIELLO
 23 Luglio 2020

Anoressia e conseguenze sulla massa ossea - Dott. Paolo Morachiello

I disturbi alimentari hanno un impatto anche sulle ossa, che vengono rese più fragili

Durante l’adolescenza, e in particolare verso i 19-20 anni, una persona raggiunge il picco di massa ossea, cioè la quantità di tessuto osseo che l'organismo utilizzerà nel corso della vita. Occorre tenere presente che, per motivi fisiologici, nella donna comincerà a ridursi dopo la menopausa.

Dottore, cosa determina lo sviluppo del patrimonio osseo?
Concorrono fattori genetici e, soprattutto, secondari legati ad eventuali malattie concomitanti. Queste ultime possono interferire sul metabolismo osseo, e le relative cure farmacologiche (esempio cortisonici) possono aggravare questa condizione.

L’alimentazione può incidere?
Sì, i disturbi dell'alimentazione (anoressia e bulimia), che si riscontrano maggiormente in questa fascia di età, comportano una grave compromissione della struttura del tessuto osseo per mancanza di nutrienti per lo sviluppo del tessuto (proteine, calcio, minerali, vitamina D) e per una condizione molto frequente di amenorrea (assenza di mestruazioni) dovuta ad uno squilibrio ormonale indotto.

Quali conseguenze si possono riscontrare?
Ne consegue una condizione di osteopatia metabolica, più comunemente chiamata osteoporosi, che è la più comune delle malattie fragilizzanti dell’osso, ed è una condizione di ridotta resistenza ossea con l’aumento del rischio di frattura.
La frattura da fragilità dovrebbe essere un evento spontaneo o provocato da un trauma “non efficiente”, ad esempio la caduta dalla propria altezza, un trauma banale, il sollevamento di un peso considerato non eccessivo dal paziente stesso. Il trauma “efficiente” è, con i dovuti distinguo, un incidente stradale, una caduta da un'altezza maggiore della propria, etc. La resistenza ossea è quindi legata sia alla quantità che alla qualità del tessuto osseo.


Quali sono le principali osteopatie metaboliche?
In linea generale, si dividono in due categorie: le primitive, osteoporosi post-menopausale e senile, e le secondarie, cioè associate o causate da varie patologie e farmaci.

È possibile misurare il grado di osteoporosi?
L'indagine gold standard per la diagnosi di osteoporosi è la densitometria ossea, a cui deve essere associata un'accurata anamnesi clinica e una serie di esami biochimici (ormai codificati a livello mondiale), utili per un’esclusione di osteopatia secondaria.

Si possono prevenire queste fratture?
Ci sono ambulatori per le malattie fragilizzanti dello scheletro i cui obiettivi possono essere:

  • individuare i soggetti a maggior rischio di frattura
  • identificare ed eventualmente modificare le cause alla base dell'aumentato rischio (es. le cause di osteoporosi secondaria)
  • ridurre il rischio di frattura del singolo soggetto “anche” utilizzando eventuali terapie.

 

L'indagine gold standard per la diagnosi di osteoporosi è la densitometria ossea.

Social
Dott. Paolo Morachiello - Medicina Interna, Nefrologia e Geriatria
Hai bisogno di un consulto in
Nefrologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Paolo MORACHIELLO    
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico