Loading...

Disfunzione erettile, quali sono le soluzioni?

Si calcola che, in Italia, il 13% degli uomini, ossia circa 3 milioni, siano affetti da una qualche forma di disfunzione erettile. 

 

La disfunzione erettile è la ricorrente o persistente incapacità di ottenere e/o mantenere un’erezione tale da consentire rapporti sessuali soddisfacenti. 
L’incidenza di questa patologia aumenta con l’età, passando da poco meno del 2% nei pazienti con meno di 50 anni a circa il 50% nei pazienti di età maggiore di 70 anni. Il dott. Massimo Capone, in questa intervista, ci illustra le possibilità per risolverla. 


Come risolvere la disfunzione erettile?

Più aumenta l'età del paziente più incidono i fattori di rischio nella terapia farmacologica orale. Ad esempio la diffusione degli interventi per la rimozione del carcinoma prostatico, nonostante l'utilizzo di tecniche di risparmio dei nervi per l'erezione, ha fatto aumentare drammaticamente il numero di pazienti, relativamente giovani, affetti da una disfunzione erettile grave e non responsiva alla terapia orale o locale. 

La riabilitazione sessuale del paziente può essere ottenuta facendo ricorso al posizionamento di un impianto protesico penieno.


Quali sono i tipi di protesi disponibili?

Le protesi peniene al momento disponibili possono essere ridotte a due principali modelli:

  • le protesi a volume costante, in questo caso il pene è in erezione costante e al di fuori dell'attività sessuale il pene può essere piegato e riposto negli indumenti intimi
  • le protesi a volume variabile (le protesi idrauliche), sono formate da tre componenti, due cilindri che vengono posizionati all'interno del pene in corrispondenza dei corpi cavernosi che si riempiono di liquido raggiungendo una rigidità ottimale e il liquido viene mobilizzato tramite una piccola pompa presente nello scroto a partire da un serbatoio posizionato generalmente a fianco della vescica

Il vantaggio delle protesi idrauliche è che la condizione del pene in flaccidità e in erezione è perfettamente sovrapponibile e identica a quella dell'organo normale.
 

Come si svolge l'intervento di protesi peniena?

L'intervento ha una durata di 30/70 minuti, viene realizzato tramite una piccola incisione sotto il pube o nell'angolo compreso tra il pene e lo scroto. Il giorno dopo l'intervento il paziente torna a casa e la ripresa dell'attività sessuale avviene dopo circa 5 settimane.

Dott. Massimo Capone Dott. Massimo Capone
Dott.

Massimo Capone

Hai bisogno di un consulto medico in Urologia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Altri video di Andrologia

Altri video
Richiedi una visita o prenota un videoconsulto con uno specialista di fiducia.
Prenota

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top