Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Psicologia, psichiatria, sessuologia   Salute e benessere   Uomo e Donna  

Disfunzione erettile, quali sono le soluzioni?

Di: Dott. Massimo CAPONE

 

La disfunzione erettile è la ricorrente o persistente incapacità di ottenere e/o mantenere un’erezione tale da consentire rapporti sessuali soddisfacenti. 
L’incidenza di questa patologia aumenta con l’età, passando da poco meno del 2% nei pazienti con meno di 50 anni a circa il 50% nei pazienti di età maggiore di 70 anni. Il dott. Massimo Capone, in questa intervista, ci illustra le possibilità per risolverla. 


Come risolvere la disfunzione erettile?

Più aumenta l'età del paziente più incidono i fattori di rischio nella terapia farmacologica orale. Ad esempio la diffusione degli interventi per la rimozione del carcinoma prostatico, nonostante l'utilizzo di tecniche di risparmio dei nervi per l'erezione, ha fatto aumentare drammaticamente il numero di pazienti, relativamente giovani, affetti da una disfunzione erettile grave e non responsiva alla terapia orale o locale. 

La riabilitazione sessuale del paziente può essere ottenuta facendo ricorso al posizionamento di un impianto protesico penieno.


Quali sono i tipi di protesi disponibili?

Le protesi peniene al momento disponibili possono essere ridotte a due principali modelli:

  • le protesi a volume costante, in questo caso il pene è in erezione costante e al di fuori dell'attività sessuale il pene può essere piegato e riposto negli indumenti intimi
  • le protesi a volume variabile (le protesi idrauliche), sono formate da tre componenti, due cilindri che vengono posizionati all'interno del pene in corrispondenza dei corpi cavernosi che si riempiono di liquido raggiungendo una rigidità ottimale e il liquido viene mobilizzato tramite una piccola pompa presente nello scroto a partire da un serbatoio posizionato generalmente a fianco della vescica

Il vantaggio delle protesi idrauliche è che la condizione del pene in flaccidità e in erezione è perfettamente sovrapponibile e identica a quella dell'organo normale.
 

Come si svolge l'intervento di protesi peniena?

L'intervento ha una durata di 30/70 minuti, viene realizzato tramite una piccola incisione sotto il pube o nell'angolo compreso tra il pene e lo scroto. Il giorno dopo l'intervento il paziente torna a casa e la ripresa dell'attività sessuale avviene dopo circa 5 settimane.

Social
Dott. Massimo Capone - Urologo e Andrologo a Treviso
Hai bisogno di un consulto in
Urologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Massimo CAPONE    
Altri video
Il Dott. Massimo Capone, Specialista in Urologia e Andrologia, risponde in questo video alle domande più frequenti relative alle protesi peniene.
Una rivoluzione in medicina sessuale, a 20 anni dal Viagra: le onde d'urto sono la cura più innovativa per la disfunzione erettile.
Il Dott. Massimo Capone in questo video fa chiarezza sulle "normali" dimensioni del pene.
Riabilitazione sessuale e protesi peniene, le soluzioni migliori per un ritorno ad una vita sessuale soddisfacente. 
Quando correggere chirurgicamente un pene affetto da malattia di La Peyronie
Nel quadro della sterilità di coppia, può accadere che a presentare infertilità sia l'uomo. Può presentarsi in presenza o assenza di sintomatologia.
 
News correlate
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico