Loading...
Il check up cardiologico: il cuore è come una casa

Il check up cardiologico: il cuore è come una casa

Controlli periodicamente l'impianto elettrico e le tubature del tuo cuore?
Dott. Leopoldo Celegon

Sottoporsi a un check up cardiologico è come controllare lo stato di manutenzione della tua casa: l'impianto elettrico, le tubature, le pareti potrebbero presentare delle alterazioni anche se la struttura sembra solida.
 

Cosa la colpisce maggiormente nelle visite ai pazienti?

Accade piuttosto frequentemente che i pazienti si presentino al check up senza alcuna documentazione clinica. Si tratta di una condizione particolarmente impegnativa per il cardiologo, che si trova a raccogliere un'anamnesi partendo praticamente da zero. E quando poi chiedo al paziente come mai si sia sottoposto al check up, dal momento che non è emersa alcuna patologia cardiaca, mi risponde che sperava che le cose andassero esattamente in questo modo e cioè che la diagnosi fosse favorevole.
 

Come si svolge il suo controllo cardiologico? 

Procedo a controllo del cuore, polmoni, fegato, addome con rilievo della pressione, elettrocardiogramma a riposo e sotto sforzo al cicloergometro, ecocardiogramma color doppler, ecoscopia delle carotidi e aorta addominale.


 

Un approccio molto tradizionale...È ancora valido in un'epoca dominata da nuove metodiche come coronarografia, TAC coronarica, risonanza magnetica cardiaca ecc.?

A mio avviso, lo studio del cuore è come il mosaico, composto da molte tessere: ogni indagine, se la vediamo come una tessera, concorre alla raccolta di informazioni aggiuntive e non sostituibili a formare la diagnosi cardiologica finale. Le indagini da me eseguite sono basilari per dare sicurezza all'utente in merito alla presenza o assenza di malattia cardiaca e sul rischio di sviluppare un infarto. Esami ulteriori come quelli che ha menzionato sono accertamenti di terzo livello, a cui sottoporsi presso reparti ospedalieri altamente specializzati e ad alto volume di esami. Se sono necessari esami aggiuntivi, sono io stesso a indirizzare il paziente che si è affidato a me per il check up cardiologico. Lo consiglio e seguo facendomi carico completo del suo problema cardiologico, anche in caso di ricovero.
 

Come si svolge il colloquio finale con l'utente, alla fine del check up cardiologico?

Nel caso si riscontri una patologia cardiaca, cerco di rendere la diagnosi comprensibile al paziente senza usare indecifrabili termini scientifici. Amo paragonare il cuore a una casa: un'aritmia potrebbe essere equiparata a un cortocircuito dell'impianto elettrico, una malattia delle coronarie a un'ostruzione dei tubi di riscaldamento che non permette all'acqua calda di passare, una patologia del muscolo cardiaco a un indebolimento della parete della casa. Spiego al paziente che alterazioni del cuore possono essere presenti anche in cuori morfologicamente sani (ad esempio la fibrillazione atriale negli atleti), ma l'importante è affrontare insieme la problematica e individuare un'efficace terapia su misura. Il paziente va ascoltato, informato e indirizzato per l’iter clinico migliore.

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top