Loading...
La chirurgia estetica vista con gli occhi del medico

La chirurgia estetica vista con gli occhi del medico

Scopriamo il punto di vista dello specialista che cura numerosi pazienti

Prof. Carlo Riberti

Abbiamo spesso trattato le novità in ambito medico e le diverse patologie immedesimandoci nel paziente. Ma qual è il punto di vista dello specialista? Nel parliamo con il Prof. Riberti.
 

Professore, nella sua carriera ha lavorato in diverse sedi. Ritiene sia stato un bene?

Reputo un privilegio aver potuto lavorare in ben sei differenti sedi ospedaliero-universitarie in altrettante differenti città, di cui le ultime due (Udine e Ferrara) in qualità di Direttore di Istituto, oltre ad aver poi visitato una quindicina di famosi chirurghi nelle diverse parti del mondo. Questo è stato un grande contributo per la mia crescita, non solo chirurgica ma anche umana, perché mi ha consentito di ampliare il bagaglio personale con esperienze assai diverse tra loro ma, allo stesso tempo, complementari.
 

Qual è il campo della chirurgia plastica che ritiene più affine al suo "modus operandi"? 

La chirurgia plastica è un terreno d'azione assolutamente vasto, sia in senso anatomico, perché va dal capo alla punta dei piedi, sia in senso tecnico giacché molteplici sono i tipi di intervento realizzabili. A questo proposito mi piace affermare che la nostra specialità è forse “l'ultima chirurgia generale", se consideriamo la super specializzazione oggi raggiunta in tutte le differenti branche chirurgiche! Non posso dire di avere una specifica predilezione per un certo intervento, in quanto negli anni iniziali mi sono occupato molto di malformazioni congenite, poi c'è stato il periodo dell’espansione cutanea e, negli ultimi tempi, mi ha molto interessato il problema delle grandi idrosadeniti (infiammazioni delle ghiandole sudoripare) "intrattabili".

Com’è cambiato negli anni il ruolo dello specialista in chirurgia estetica?

Soprattutto nell’ultimo decennio la chirurgia estetica si è sempre più espansa, e siamo passati dal concetto di "grande cicatrice-grande chirurgo" a "grande chirurgo-piccola cicatrice”! Oggi il chirurgo dispone di tutta una serie di tecniche, prodotti, accorgimenti e "trucchetti" per rinfrescare un volto senza lasciare cicatrici evidenti. Mi riferisco ai diversi fili di trazione per il viso, alle potenzialità della tossina botulinica per bloccare selettivamente i muscoli mimici, ma oggi in grado anche di ringiovanire la cute facciale, al tessuto adiposo passato da "zavorra corporea" a "materiale creativo", per non parlare di tutti i diversi collageni ed acidi ialuronici in grado di cancellare le rughe di un volto e di modificare persino la morfologia di un naso.
 

Qual è, secondo lei, l'intervento più difficile da eseguire?

Direi senz'altro la rinoplastica, perché in una superficie di appena 4/5 cm troviamo strutture ossee, cartilaginee e cutanee così mirabilmente connesse tra loro che anche un piccolo errore di pochi millimetri può trasformare il nostro risultato da ottimo ad orribile.
 

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
Chirurgia esteticarinoplasticadott. carlo riberti

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna

Iscriviti alla newsletter

Scarica l'ultimo numero della rivista Medicina Moderna e rimani sempre aggiornato sui webinar e tutte le iniziative in tema di salute

Top