Loading...
Terapie personalizzate del dolore acuto e cronico

Terapie personalizzate del dolore acuto e cronico

Terapia rigenerativa-conservativa: ozonoterapia, proloterapia, infiltrazioni di collagene, agopuntura e omeopatia per il trattamento del dolore articolare

Dott. Davide Padoan

Quando il dolore articolare non è di competenza chirurgica, la terapia rigenerativa-conservativa è l’approccio migliore da seguire.
 

Dottor Padoan, cosa succede nel caso di infiammazione articolare?

La funzionalità articolare dipende dall’integrità di ossa, cartilagini, sinovia, legamenti, tendini e muscoli. La risposta infiammatoria algica da danno tessutale è causa di contrazioni muscolari, nevralgie, limitazione funzionale e alterazioni posturali, ma, entro certi limiti, la risposta riparativa spetta al nostro corpo: non bisogna bloccare l’infiammazione, ma modularla lasciando che essa risponda al danno con la rigenerazione.
 

Cosa fare nel caso nel caso dei processi degenerativi?

È possibile rallentare i processi degenerativi e indurre la risposta rigenerativa a carico dei tessuti da fenomeni di usura, invecchiamento e eventi traumatici, con una terapia che vede la sinergia di ossigeno-ozonoterapia, proloterapia, collagene, agopuntura e omeopatia.
 

Ci spiega meglio queste terapie?

La proloterapia consiste nell’iniezione di glucosio e collagene che attivano la rigenerazione tissutale ed è utile per rigenerare tendini e legamenti lesi stabilizzando l’articolazione. L’ozonoterapia, invece, è una miscela di ossigeno e ozono che può essere veicolata in vari modi: intra o periarticolare, sottocutanea, topica (per ulcere cutanee), per via endovenosa e per via rettale (disbiosi intestinali). Vengono trattate ernie discali, fibromialgie, dolori articolari, colon irritabile, Morbo di Crohn, cellulite e invecchiamento cutaneo (anti-age). Si tratta di una terapia sicura e indolore. Infine, l’Agopuntura e l’omeopatia stimolano invece i meridiani energetici grazie a micro-iniezioni di farmaci omeopatici che contribuiscono all’effetto anatalgico.
 

Tra le tante opportunità, come viene stabilito il trattamento più adeguato?

Ciò che ci porta alla personalizzazione della terapia è il tipo di tessuto danneggiato e la sintomatologia dominante che stabiliscono la via di somministrazione la sequenza terapeutica e la sinergia degli atti medici fornendo una duttilità di azione verso le più svariate patologie: cervicalgia, lombalgia, neuropatia periferica, periartriti di spalla e d'anca, artrosi, artrite, epicondiliti, fibromialgia cefalee, disbiosi intestinali, cellulite e anti age.

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna

Iscriviti alla newsletter

Scarica l'ultimo numero della rivista Medicina Moderna e rimani sempre aggiornato sui webinar e tutte le iniziative in tema di salute

Top