Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bellezza   Chirurgia Estetica   Salute e benessere  

La chirurgia estetica vista con gli occhi del medico

Prof. Carlo Riberti - Specializzato in Chirurgia Plastica e Medicina Estetica.
Prof. Carlo RIBERTI
 19 Giugno 2020

La chirurgia estetica vista con gli occhi del medico - Prof. Carlo Riberti

Scopriamo il punto di vista dello specialista che cura numerosi pazienti

Abbiamo spesso trattato le novità in ambito medico e le diverse patologie immedesimandoci nel paziente. Ma qual è il punto di vista dello specialista? Nel parliamo con il Prof. Riberti.

Professore, nella sua carriera ha lavorato in diverse sedi. Ritiene sia stato un bene?
Reputo un privilegio aver potuto lavorare in ben sei differenti sedi ospedaliero-universitarie in altrettante differenti città, di cui le ultime due (Udine e Ferrara) in qualità di Direttore di Istituto, oltre ad aver poi visitato una quindicina di famosi chirurghi nelle diverse parti del mondo. Questo è stato un grande contributo per la mia crescita, non solo chirurgica ma anche umana, perché mi ha consentito di ampliare il bagaglio personale con esperienze assai diverse tra loro ma, allo stesso tempo, complementari.

Qual è il campo della chirurgia plastica che ritiene più affine al suo "modus operandi"? 
La chirurgia plastica è un terreno d'azione assolutamente vasto, sia in senso anatomico, perché va dal capo alla punta dei piedi, sia in senso tecnico giacché molteplici sono i tipi di intervento realizzabili. A questo proposito mi piace affermare che la nostra specialità è forse “l'ultima chirurgia generale", se consideriamo la super specializzazione oggi raggiunta in tutte le differenti branche chirurgiche! Non posso dire di avere una specifica predilezione per un certo intervento, in quanto negli anni iniziali mi sono occupato molto di malformazioni congenite, poi c'è stato il periodo dell’espansione cutanea e, negli ultimi tempi, mi ha molto interessato il problema delle grandi idrosadeniti (infiammazioni delle ghiandole sudoripare) "intrattabili".


Com’è cambiato negli anni il ruolo dello specialista in chirurgia estetica?
Soprattutto nell’ultimo decennio la chirurgia estetica si è sempre più espansa, e siamo passati dal concetto di "grande cicatrice-grande chirurgo" a "grande chirurgo-piccola cicatrice”! Oggi il chirurgo dispone di tutta una serie di tecniche, prodotti, accorgimenti e "trucchetti" per rinfrescare un volto senza lasciare cicatrici evidenti. Mi riferisco ai diversi fili di trazione per il viso, alle potenzialità della tossina botulinica per bloccare selettivamente i muscoli mimici, ma oggi in grado anche di ringiovanire la cute facciale, al tessuto adiposo passato da "zavorra corporea" a "materiale creativo", per non parlare di tutti i diversi collageni ed acidi ialuronici in grado di cancellare le rughe di un volto e di modificare persino la morfologia di un naso.

Qual è, secondo lei, l'intervento più difficile da eseguire?
Direi senz'altro la rinoplastica, perché in una superficie di appena 4/5 cm troviamo strutture ossee, cartilaginee e cutanee così mirabilmente connesse tra loro che anche un piccolo errore di pochi millimetri può trasformare il nostro risultato da ottimo ad orribile.
 

In chirurgia estetica un errore di pochi millimetri può trasformare il risultato da ottimo ad orribile.

Social
Prof. Carlo Riberti - Specializzato in Chirurgia Plastica e Medicina Estetica.
Hai bisogno di un consulto in
Chirurgia Plastica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Prof. Carlo RIBERTI    
Altro dal blog
Spesso la richiesta di interventi estetici nascondono motivazioni che riguardano la sfera psicologica della persona
Fondamentali per tutto l'organismo ed aiutano anche a mantenere la pelle e i capelli sani
L’addominoplastica permette sia di rimuove l’eccesso di cute e grasso sia di tonificare i muscoli addominali
Una nuova metodica ambulatoriale nata per l’utilizzo proprio in medicina estetica, in uno di quei trattamenti solitamente indicati come “di pausa pranzo”
Una tecnica molto “delicata” per cui nel post-operatorio il gonfiore intorno al naso è molto limitato e scompare dopo pochi giorni.
Dal dolore alle cicatrici, dagli impatti sull'estetica del volto a quelli sulla funzione respiratoria, sfatiamo tutti i miti sulla chirurgia del naso.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico