Loading...
L'origine del liquido seminale eiaculato o testicolare influenza i parametri morfocinetici dell'embrione?

L'origine del liquido seminale eiaculato o testicolare influenza i parametri morfocinetici dell'embrione?

Un interessante studio ha voluto esaminare l'effetto dell'origine del liquido seminale sulla morfocinetica dell'embrione nelle coppie con diagnosi di infertilità maschile

Dott. Andrea Militello

Non è chiaro se l'origine degli spermatozoi, eiaculati o testicolari, nelle coppie con diagnosi di infertilità del fattore maschile (MFI), influenzi i tempi degli eventi di sviluppo dell'embrione valutati dal monitoraggio time ‐ lapse (TLM) e dai tassi di impianto.

Un interessante studio ha voluto esaminare l'effetto dell'origine del liquido seminale sulla morfocinetica dell'embrione nelle coppie con diagnosi di MFI.
Questo studio includeva un'analisi retrospettiva dei parametri morfocinetici eseguita da TLM tra il 2013 e il 2017.

Sono stati analizzati i processi di sviluppo ed i parametri morfocinetici di:

  • 419 embrioni ottenuti da coppie con MFI attribuito a oligoastenoteratozoospermia (OAT);
  • 158 embrioni derivati ​​da sperma testicolare (TS) estratto chirurgicamente da coppie con diagnosi di azoospermia non ostruttiva;
  • 190 embrioni da coppie con sperma eiaculato normale (NES) e l'infertilità correlata al fattore meccanico femminile.

È stato eseguito un confronto dei parametri morfocinetici, dell'impianto e dei tassi di gravidanza clinica tra i gruppi con un'analisi aggiuntiva in base allo stato dell’impianto.

Gli embrioni del liquido seminale eiaculato naturalmente e dei pazienti con OAT hanno raggiunto le successive pietre miliari morfocinetiche - divisione sincrona (S3) e tempo alla morula (tM) - più velocemente degli embrioni ottenuti dallo sperma prelevato dal testicolo.

Il tasso di impianto era simile nei gruppi NES e OAT (41,9% vs 45,8%, NS), con un tasso di impianto più elevato nel gruppo OAT rispetto al gruppo TS (45,8% vs 33,6%, p = 0,02).


Senza entrare nei dettagli tecnici, estremamente specialistici, i risultati dello studio possono evidenziare un'altra fisiopatologia per mezzo della quale l'origine dello sperma influisce sulla cinetica dello sviluppo dell'embrione.

La selezione di embrioni che dimostrano un tasso di sviluppo più rapido a t8 e in particolare l'intervallo da 48 a 56 ore dopo il tempo di sbiadimento dei pronuclei (tPNf) può migliorare i tassi di impianto nei casi di MFI.

Questo studio ha dimostrato che il liquido seminale eiaculato è associato a divisioni cellulari tardive più veloci, compattazione più rapida e tassi di impianto più elevati rispetto allo sperma testicolare.

Inoltre, t8 è un importante predittore per l'impianto nella popolazione MFI.

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
infertilità maschiledott. Andrea Militello

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top