Loading...
Come cambia l'alimentazione con la menopausa

Come cambia l'alimentazione con la menopausa

Avvicinandosi alla menopausa è fondamentale porre attenzione alla propria alimentazione per prevenire o minimizzare alcuni disturbi che possono insorgere.
Dott.ssa Federica Giambelli

Durante il climaterio avvengono delle modificazioni ormonali con conseguenze che, qualora trascurate, si possono trasformare in vere patologie cardiovascolari, aumentare il rischio di fratture, demenze senile e altre. 
In questo articolo spiegheremo come un’alimentazione corretta e fisiologicamente equilibrata può contribuire efficacemente a mitigare i disturbi della menopausa.
 

Quali cambiamenti avvengono nella donna durante la menopausa che influiscono anche nell’alimentazione?

La variazione che influenza maggiormente la vita della donna in menopausa è il calo estrogenico, che è la causa di fenomeni quali alterazioni metaboliche che portano a variazione di peso, sbalzi d’umore e depressione, variazione dell’assetto lipidico, aumento della resistenza all'insulina con eventuale diabete e obesità, ma anche osteoporosi e atrofia cutanea
 

Esistono cibi che aiutano a combattere l’aumento di peso e l’irritabilità causata dagli sbalzi ormonali?

Con l’arrivo della menopausa si ha una diminuzione significativa dei bisogni di energia, che porta frequentemente ad un aumento di peso e a una diversa distribuzione del grasso nel corpo che aumenta a livello addominale.

Poiché il sovrappeso e obesità sono fattori di rischio per la salute, è importante contrastare il rallentamento del metabolismo facendo movimento moderato e costante, seguendo un’alimentazione bilanciata e adeguata alla propria corporatura e stile di vita.

La carenza di estrogeni favorisce inoltre sbalzi d’umore e le basi biochimiche ad un possibile sviluppo di depressione, probabilmente facilitata dalla ridotta produzione di serotonina. È importante inserire alimenti che contengono serotonina o ne favoriscono la produzione, per contrastare la depressione, favorire il sonno e controllare l’appetito.
 

E per quanto riguarda i problemi di atrofia cutanea?

Con il calo degli estrogeni la pelle si assottiglia, le rughe tendono a diventare più profonde, la muscolatura perde tono, i capelli diventano più fragili. 

Se la vostra alimentazione è povera di antiossidanti che li combattono, è più facile che il volto venga solcato da rughe precoci, la memoria possa risentirne, i capelli si infragiliscano, la muscolatura perda di tono. 

Gli alimenti più ricchi di antiossidanti sono frutta e verdura, olio extravergine e tè verde.

Una consulenza specialistica e personalizzata può essere sempre d’aiuto a prevenire o minimizzare questi e tutti gli altri problemi (dislipidemia, iperglicemia o diabete, osteopenia e osteoporosi) che possono insorgere.


Leggi altri articoli con gli stessi TAG
alimentazionemenopausaDott.ssa Federica Giambelli

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top