Loading...
Come cambia la vita della donna in menopausa?

Come cambia la vita della donna in menopausa?

La fine del ciclo mestruale comporta una serie di cambiamenti fisici e psichici

La menopausa è un fenomeno fisiologico caratterizzato dall’esaurimento degli ovociti, dovuto alla cessazione della funzionalità ovarica e della capacità di produrre ormoni estrogeni.


Dottore, a quale età solitamente si verifica la menopausa?

Il 95% delle donne italiane entra in “menopausa fisiologica” mediamente fra i 45 ed i 55 anni. Si definisce invece “precoce” se la cessazione dell’attività ovarica avviene prima dei 40 anni.


Da cosa può dipendere?

Il principale elemento causale che determina l’epoca di comparsa della menopausa è di natura genetica. Solamente eventi esterni di particolare gravità possono modificare l’età, come nel caso di interventi chirurgici di asportazione delle ovaie o di riduzione del volume ovarico, terapie radianti che coinvolgano la sede anatomica delle ovaie e la chemioterapia antiblastica.


Quali sono i principali cambiamenti avvertiti dalla donna?

Il “profilo lipidico” cambia significativamente: aumentano i trigliceridi, il colesterolo totale e soprattutto il colesterolo LDL (Low Density Lipoprotein), importantissimo fattore di rischio nella genesi dell’aterosclerosi, con effetti a livello cerebrale e delle arterie coronarie del cuore. Sì altera pure il “metabolismo glicidico", con progressivo aumento del rischio di sviluppare il diabete, e la “massa grassa”, cioè la quantità e la disposizione di tessuto adiposo, aumenta soprattutto nella zona addominale.


E le vampate di calore?

Costituiscono il sintomo più diffuso, di cui ne soffre tra il 70% e l’80% delle donne. Si riscontrano, inoltre, disturbi del sonno, variazioni dell’umore, della sessualità e modifiche del sistema nervoso centrale.


L’osteoporosi è connessa con la menopausa?

All’età di settant’anni circa il 40% delle donne in menopausa soffre di osteoporosi. Le fratture del femore, ed anche quelle delle vertebre, sono la conseguenza diretta dell’osteoporosi. Esse comportano frequentemente forme di inabilità anche gravi.


Cosa ci può dire delle patologie vascolari?

Nel periodo menopausale l’incidenza di patologie vascolari, particolarmente quelli di natura ischemica, aumenta significativamente a causa del deposito dei grassi all’interno della parete arteriosa, che determina una complessa azione che si traduce nell’occlusione del vaso, specialmente a livello cardiaco e cerebrale.


Qual è la terapia consigliata per limitare le conseguenze della menopausa?

La Terapia Ormonale Sostitutiva (TOS) è una nuova terapia che prevede il ricorso ad un’ampia gamma di prodotti ormonali e di vie di somministrazione, con differenti benefici e rischi. Il medico deve quindi sempre personalizzarla per ogni singola paziente, avendo una chiara progettualità.


Quali sono i benefici della TOS?

Esercita il suo effetto migliorativo sul metabolismo e protettivo sul sistema cardiovascolare. Se contemporaneamente la donna anziana si mantiene sempre più attiva, sottopone a maggior prova il suo sistema cardiovascolare. Ne consegue un intuibile, e pressoché sicuro, miglioramento della qualità di vita nel lungo termine.


C’è una connessione tra menopausa e tumore al seno?

Oggigiorno non è ancora chiaro se l’associazione fra tumori ed uso di preparati ormonali comporti la nascita di un “nuovo” tumore maligno oppure faccia palesare un cancro preesistente ma clinicamente silente, biologicamente attivo, delle dimensioni di poche cellule o di un microscopico gruppetto di cellule, e pertanto non ancora diagnosticabile in alcun modo al momento dell’inizio della terapia ormonale. Non si sa quindi se si sarebbe manifestato comunque in un futuro, anche se la donna non avesse intrapreso una terapia ormonale. Sottolineo che la maggior parte dei tumori al seno finora diagnosticati si sono verificati in donne che non hanno seguito alcuna terapia ormonale in precedenza. Inoltre, i farmaci oggi disponibili sono estremamente sicuri, e la posologia applicabile è molto inferiore a quanto accadeva in passato.

Il cambiamento dell’individuo nel tempo dev’essere accettato e gestito nel modo più sicuro e vantaggioso, affinché possa vivere nel miglior modo possibile. La ricerca di un percorso richiede lungimiranza, motivazione e coraggio.

Leggi altri articoli con gli stessi TAG
menopausaDott. Fabio Muggia
Dott. Fabio Muggia Dott. Fabio Muggia
Dott.

Fabio Muggia

Hai bisogno di un consulto medico in Ginecologia?

Ottieni una visita medica dove e quando vuoi, in video o in un centro medico a te vicino

Richiedi visita

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere sempre aggiornato sulle utlime novità, webinar e iniziative di Medicina Moderna
Top