Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Bambini   Disturbi   Medicina e Chirurgia   Ortopedia   Ortopedia-traumatologia e medicina dello sport    Salute e benessere   Sport  

Sport e ortopedia pediatrica: a cosa bisogna prestare attenzione?

Dott. Fulvio Di Cosmo - Ortopedico
Dott. Fulvio DI COSMO
 30 Agosto 2021

Sport e ortopedia pediatrica

Lo sport rappresenta un’importante fonte di prevenzione, e deve essere praticato con criteri opportuni, senza esagerare e travalicare quelle che sono le risorse del proprio organismo

L’ortopedia pediatrica si occupa della diagnosi e terapia non chirurgica delle deformità, dei paramorfismi e della salute dell’apparato locomotore del bambino. Sono attività molto importanti per lo sviluppo e la crescita, e trovano un naturale congiungimento con l’avvio allo sport, che può diventare parte importante nella vita del bambino, prima ancora che nell’adulto.

 

Dottore, quali sono i vantaggi della pratica sportiva in giovane età?

I vantaggi sono innumerevoli e riguardano l’aspetto fisico, psichico, emotivo e sociale. Gli sport sono infatti in grado di aumentare l’autostima e offrono un’impareggiabile occasione di socializzazione fra “pari”.

Che sport consiglierebbe ad un/a bambino/a?

Per i bambini in età prescolare non consiglierei uno sport specifico, ma le attività preatletiche che possono essere proprie di quell’età, come l’allenamento dell’abilità al movimento e lo sviluppo dell’agilità. Mirare troppo presto a uno sport specifico rischia di portare poi ad un rifiuto da parte del bambino di quello stesso sport, che può far perdere un potenziale atleta. Più avanti nell’età, verso i dieci anni e l’adolescenza, al di là del dibattito su sport simmetrici e asimmetrici, o scoliosi e schiena, credo che lo sport ideale sia quello che diverte di più. Ogni sport fatto bene fa bene, e viceversa se fatto male fa male. Lo sport va indicato al singolo soggetto in base alle sue caratteristiche e preferenze.

Non bisogna quindi considerare lo sport già come una fonte di guadagno... 

Quanti bambini vediamo vestiti da giocatori di pallone? Fra tutti loro, ne arriverà uno, forse. Però se lo abbiamo forzato a giocare a pallone, gli abbiamo rubato qualcosa. Lo sport, come prima cosa, dev’essere una passione: deve farti sentire bene.

Quali possono essere le conseguenze sul fisico del bambino?

Comporta l’inizio precoce all’attività di allenamento intensivo e di competizione, che induce, oltre ad un’aumentata pressione psicologica a carico dei giovani atleti, anche un’accentuata esposizione a lesioni fisiche da “overuse”.

Cos’è l’overuse?

Si tratta di lesioni dipendenti da attività svolte con carichi muscolo scheletrici submassimali ripetitivi, intervallati da un periodo di recupero insufficiente per consentire all’organismo di mettere in atto gli opportuni adattamenti. Le strutture più frequentemente danneggiate da questo tipo di approccio allo sport sono: le unità funzionali muscolo-tendinee, le ossa (a carico delle quali si può arrivare al verificarsi delle cosiddette “fratture da durata”) e le borse. Durante l’età dello sviluppo, si possono verificare anche danni alle apofisi ossee ed alle epifisi, cioè a quelle strutture che sono deputate all’accrescimento osseo.

Esistono altri rischi?

Sì, un altro fattore di rischio è rappresentato dalla troppo precoce specializzazione nello sport, che si è visto essere correlata con un più alto indice di abbandono ed una più frequente comparsa di sintomi da burnout (stato di esaurimento emotivo, fisico e mentale).

Cosa si può fare per limitare gli effetti dannosi?

In primo luogo, bisogna evitare allenamenti troppo frequenti nella settimana e nell’anno, così da rispettare corretti tempi di recupero. I programmi di allenamento devono essere individualizzati per tenere conto della velocità di accrescimento e delle caratteristiche psicofisiche di ogni giovane atleta. Occorre, inoltre, prevedere una preparazione prima dell’inizio della stagione agonistica vera e propria. La preparazione preallenamento non deve essere mai trascurata, con una corretta pratica del riscaldamento e dello stretching. Bisogna enfatizzare il piacere che si può ottenere dalla pratica sportiva e dal miglioramento progressivo delle proprie abilità, più che la competitività e l’obiettivo della vittoria. Tranne che per quegli sport che obbligatoriamente richiedono una specializzazione molto precoce (nuoto, ginnastica, pattinaggio artistico, etc.) va incoraggiata, nei giovani, la diversificazione degli sport praticati.

 

I giovani devono essere incoraggiati a praticare sport diversi, senza “specializzarsi” e dedicarsi da subito ad uno solo.

Social
Dott. Fulvio Di Cosmo - Ortopedico
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Fulvio DI COSMO    
Altro dal blog
L'ortopedico pediatrico deve saper dialogare con i bambini e con i loro genitori e saper spesso interpretare, anche con il loro coinvolgimento, i casi più difficili.
LE NUOVE PROSPETTIVE
Troppo spesso ci si chiede cosa sia appropriato e cosa non lo sia per le persone con il diabete. La risposta è semplice: esse possono fare la maggior parte delle cose che sono adatte a quasi tutta la popolazione, a patto che si curino bene.
Martina, campionessa italiana di basket con la Reyer Venezia, di cui è capitana, ci racconta la sua carriera, evidenziando le differenze tra il campionato italiano e quello straniero. Inoltre, affronta il tema del ruolo delle donne nel management sportivo
Le lesioni meniscali rappresentano circa i 2/3 di tutti gli infortuni al ginocchio e sono più comuni nei maschi
Massimiliano Ossini, presentatore televisivo, marito e papà, è famoso al grande pubblico per trasmissioni rivolte ai ragazzi ed alla famiglia. Il suo modo estremamente gentile, empatico e professionale, gli permette di “bucare lo schermo” ed essere apprez
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
Rosanna Banfi
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico