Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Tumore al testicolo: la prevenzione è fondamentale!

Dott. Domenico Massari - Urologo e Andrologo
Dott. Domenico MASSARI
 04 Agosto 2020

Tumore al testicolo: la prevenzione è fondamentale! - Dott. Domenico Massari

Alcune abitudini sono utili a prevenirne l’insorgenza e ne facilitano la diagnosi

Ad oggi, il tumore al testicolo è la neoplasia più ricorrente nei maschi fra i 15 e i 35 anni. La prevenzione è quindi fondamentale perché i testicoli sono adibiti alla produzione di spermatozoi e testosterone.

Dottor Massari, quali sono i segnali da non trascurare?
Un anomalo rigonfiamento del testicolo, la sensazione di pesantezza, un dolore sordo nella parte interiore dell’addome o all’inguine, l’improvvisa formazione di liquido nello scroto o la presenza di sangue nelle urine. Questi sintomi, pur non essendo sempre indizi della presenza di un carcinoma, non sono da sottovalutare ed è necessario segnalarli tempestivamente al medico. Molto spesso la sintomatologia iniziale coincide con la presenza di un nodulo duro e non dolente al testicolo. È fondamentale pertanto un controllo personale periodico da attuare fin dalla giovane età, attorno ai 15 anni.

Cosa si intende per controllo personale?
L’autopalpazione, un auto-esame a cui ogni individuo può facilmente sottoporsi autonomamente davanti allo specchio, dopo la doccia o un bagno caldo, per facilitare l’individuazione di eventuali rigonfiamenti dello scroto o la presenza di un nodulo non dolente.

Come occorre eseguirla?
Si esamina ciascun testicolo con entrambe le mani, posizionando indice e medio nella zona inferiore, il pollice in quella superiore ed eseguendo un movimento rotatorio delicato. Non è il caso di allarmarsi se un testicolo appare un po’ più grosso dell’altro, è normale. L’esecuzione dell’autopalpazione non deve arrecare dolore. Nel caso si riscontrino noduli nelle parti posteriori e anteriori occorre rivolgersi al medico, perché spesso tali anomalie sono legate ad un’infezione.


Quali sono i principali fattori di rischio?
Esistono fattori predisponenti quali la familiarità, la presenza di neoplasia del testicolo controlaterale e l’atrofia, ovvero il volume molto ridotto del testicolo. La causa principale è generalmente il cripotorchidismo, cioè la mancata discesa dei testicoli nella sacca scrotale durante lo sviluppo. In questo caso il rischio aumenta fino a 50 volte. Diversamente da altre neoplasie, è difficile individuare specifici fattori di rischio, pertanto è buona cosa sottoporsi regolarmente all’auto-esame e a controlli periodici da uno specialista, il quale insegnerà a riconoscere l’epididimo, struttura che si trova sopra e dietro al testicolo, adibita a raccogliere e convogliare gli spermatozoi verso i deferenti. Ricordo inoltre che l’autopalpazione aiuta ad individuale anche altre problematiche del testicolo, come il ristagno di sangue nelle vene, detto varicocele, quasi sempre asintomatico che, se non riconosciuto e curato, può portare alla sterilità. Inoltre l’igiene personale, la pulizia del glande, riduce sia il rischio di tumore al pene sia l’insorgenza e la trasmissione di malattie di origine batterica o micotica.

Questa tipologia di tumore è curabile?
Fortunatamente sì! La mortalità è diminuita drasticamente: negli anni ’70 il 90% dei pazienti moriva, mentre attualmente il 90% può essere curato attraverso terapie individuate dagli specialisti, che variano dall’intervento chirurgico alla chemioterapia o radioterapia. In alcuni casi selezionati, prima di tali procedure, è possibile la crioconservazione del liquido seminale.
 

L’incidenza del tumore al testicolo è maggiore nella fascia d’età tra i 15 ed i 35 anni, con casi anche in fasce d'età maggiori

Social
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 38 | ESTATE 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico