Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Dermatologia   Salute e benessere  

Salviamo la pelle dal melanoma!

Dott.ssa Lara Brandolisio - Dermatologa
Dott.ssa Lara BRANDOLISIO
 17 Luglio 2020

Salviamo la pelle dal melanoma! - Dott.ssa Lara Brandolisio

Il controllo periodico dei nei aiuta a prevenire il tumore della pelle

Il melanoma è uno dei principali tumori che insorge nei giovani. In Italia, se consideriamo la popolazione al di sotto dei 50 anni, è il secondo tumore più frequente nei maschi (il primo è il cancro al testicolo) ed il terzo più frequente nelle donne (dopo cancro alla mammella e tiroide). Si contano 12mila nuovi casi all’anno, destinati ad aumentare.

Dottoressa, perché si consiglia di effettuare periodicamente una valutazione dei nei?
Perché è essenziale per fare diagnosi di melanoma, un tumore della pelle molto pericoloso per la vita in quanto, se non diagnosticato precocemente, può dare metastasi.

Quali sono le sue cause?
Innanzitutto c’è una predisposizione genetica (il 10% dei pazienti affetti ha 1-2 parenti con storia di melanoma). In aggiunta, il fatto di avere tanti nei, la carnagione chiara, storia di esposizioni al sole violente ed intermittenti, scottature in età infantile, abuso di lettini abbronzanti, sono tutti fattori che inducono un rischio di sviluppare la malattia. Anche abitare in zone in cui c’è rilascio di inquinanti ambientali può avere un ruolo.

Come avviene la valutazione dei nei?
Può essere svolta a più livelli:

  1. VALUTAZIONE CLINICA (a occhio nudo) e DERMATOSCOPICA (e cioè con uno strumento manuale, il dermatoscopio, che appoggiato sul neo permette di evidenziare le sue strutture). Questo tipo di visita “base” avviene sempre ed è raccomandato dalle linee guida più recenti. Richiede personale addestrato e riduce il rischio di far asportare inutilmente nevi benigni.
  2. VIDEODERMATOSCOPIA, che integra la comune dermoscopia con la possibilità di raccogliere e conservare immagini dermoscopiche permettendo il confronto delle immagini di una lesione con quelle prese in precedenza, in modo da evidenziare cambiamenti nel tempo. In genere i nevi benigni rimangono stabili nel tempo, mentre i melanomi cambiano.
  3. FOTOGRAFIA TOTAL BODY, si utilizza nei pazienti con molti nei. Prevede la raccolta di foto scattate al paziente in piedi ed in determinate posizioni. Questo permette, nei controlli successivi, di fare dei confronti anche con l’ausilio dello strumento; in aggiunta all’occhio del dermatologo anche il software paragona le immagini in modo digitale evidenziando l’eventuale comparsa di nei nuovi.

A chi è consigliata la valutazione dei nei?
A tutti, ed in particolare a chi è sottoposto ai rischi elencati sopra.

Come si procede nei bambini?
Per quanto riguarda i bambini invece, essendo il melanoma pediatrico un’entità di rarissimo riscontro, la valutazione può essere fatta dal pediatra in occasione delle visite ordinarie (invierà il piccolo paziente al dermatologo se lo riterrà necessario).

A quale età è opportuno iniziare con una visita dermatologica dedicata e con che frequenza?
La valutazione dei nei può cominciare dalla pubertà. Solitamente va fatta ogni 1 o 2 anni. La frequenza aumenta nel caso di pazienti che hanno avuto il melanoma.
 

Il melanoma è un tumore della pelle molto pericoloso che, se non diagnosticato precocemente, può dare metastasi.

Social
Dott.ssa Lara Brandolisio - Dermatologa
Hai bisogno di un consulto in
Dermatologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott.ssa Lara BRANDOLISIO    
Altro dal blog
Dopo circa 40 anni in Ospedale, comincia la sua collaborazione con la struttura sanitaria di via della Ferriera
La videodermatoscopia è un'innovativa tecnica diagnostica per la mappatura dei nei.
Sottoporsi regolarmente allo screening dermatologico è una buona pratica fondamentale per la salute della pelle.
Un incontro in cui la dermatologa Ilaria Romano, del Centro di Medicina Treviso parlerà delle patologie della pelle più frequenti e di come prevenirle.
In Italia il 3% delle persone oltre 74 anni e l'1.4% delle persone oltre i 45 anni è affetto da cheratosi attiniche.
Sempre più donne adulte sono colpite dalla cosiddetta acne late-onset.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico