Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Chirurgia Generale   Salute e benessere  

Il trattamento mininvasivo dei tumori iniziali del colon retto: la nuova frontiera dell’endoscopia

Dott. Angelo Cerofolini - Chirurgo a Schio
Dott. Angelo CEROFOLINI
 06 Marzo 2021

Il trattamento mininvasivo dei tumori iniziali del colon retto: la nuova frontiera dell’endoscopia

La chirurgia si è evoluta negli ultimi decenni in senso sempre più mininvasivo, riducendo dapprima le dimensioni delle incisioni chirurgiche e poi ricercando nuove vie di accesso sempre meno traumatiche

Oggi è possibile asportare tumori iniziali del colon e polipi di grandi dimensioni senza incisioni procedendo per via endoluminale, attraverso gli orifizi naturali con normali sonde che si utilizzano per le colonscopie e le gastroscopie diagnostiche. Questa tecnica, definita ESD (Endoscopic Submucosal Dissection), si è dapprima sviluppata e diffusa in Giappone e successivamente nei paesi occidentali.

Dottore, come viene eseguita la dissezione sottomucosa endoscopica?

Come una normale endoscopia, ricorrendo a bisturi miniaturizzati con testina in ceramica, per impedire la trasmissione in profondità della corrente utilizzata, che consentono di asportare lo strato di rivestimento più interno dell’intestino (la mucosa) così come si rimuove la buccia da un frutto rispettando gli strati più profondi.

In quali casi viene utilizzata?

Nei casi di tumori benigni di grandi dimensioni o anche di lesioni maligne ma con infiltrazione della parete che si limita allo strato mucoso. Per questo prima di procedere all’intervento è necessario eseguire un’attenta valutazione della lesione con endoscopi particolari dotati di telecamere zoom, che realizzano un ingrandimento della mucosa intestinale oltre cento volte, oppure mediante la cromoendoscopia, che consiste nell’utilizzo di coloranti che applicati sulla superficie interna dell’intestino mettono in evidenza le caratteristiche della lesione potendo valutare se si tratta di una lesione iniziale oppure più avanzata, che richiede quindi un intervento chirurgico.

Quali sono i passaggi di questa tecnica?

Inizialmente si marcano con l’elettrobisturi i margini della lesione. Si infiltra successivamente la sottomucosa con fluidi per sollevarla dagli strati più profondi e poi, utilizzando un ago ed un bisturi con testina in ceramica, viene effettuata un’incisione circonferenziale attorno alla lesione e si procede alla dissezione della tonaca sottomucosa asportando lo strato più interno che riveste le viscere, così come abbiamo spiegato nell’esempio della buccia di una mela.

Quali sono i vantaggi della ESD?

Nella maggioranza dei casi, si asporta la lesione in blocco e non in frammenti come si faceva un tempo, permettendo all’anatomo patologo una corretta analisi dei margini di resezione e dell’infiltrazione degli strati profondi. Si può così dire con certezza se la lesione è stata asportata completamente e se contiene al suo interno aree di trasforma- zione maligna. In questo modo si riesce in molti casi ad evitare un intervento chirurgico con asportazione di un tratto di intestino. La parte “sbucciata” guarisce poi spontaneamente.

Presenta anche degli svantaggi?

Il principale svantaggio è rappresentato dalla difficoltà tecnica della sua esecuzione: la procedura richiede un lungo addestramento di un intero team medico e viene eseguita in pochi centri specializzati in Italia. Nel nostro centro dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Verona viene eseguito da due anni dopo che alcuni di noi hanno seguito un periodo di perfezionamento in Giappone.
Il rischio di perforazione resta al di sotto del 5% dei casi in mani esperte, ed è controllato endoscopicamente con apposizione di clips, senza ricorso alla chirurgia. Date le dimensioni delle lesioni asportate con questa tecnica, l’estensione della dissezione può provocare in meno del 5% dei casi una batteriemia transitoria (passaggio di batteri nel sangue) con rialzo della temperatura, che richiede il prolungamento della copertura antibiotica e del ricovero per qualche giorno. In tutti i casi le complicanze sono risultate gestibili endoscopicamente, anche se non si può escludere la necessità del ricorso alla chirurgia.

Quando avvengono le dimissioni?

Solitamente prima è necessaria un’osservazione di almeno 48-72 ore.

 

La tecnica ESD permette di asportare senza incisioni chirurgiche sull’addome la lesione nella sua interezza, potendo così analizzarne i margini di resezione e l’infiltrazione negli strati profondi, evitando in molti casi il ricorso alla chirurgia

Social
Altro dal blog
In caso di familiarità per tumori come il carcinoma della mammella o del colon-retto, la consulenza genetica gioca un ruolo prezioso nella fase di prevenzione.
La colonscopia è un esame diagnostico consigliato a tutti dopo i 50 anni
Oggi è disponibile una tecnica mini invasiva che riduce i tempi post operatori.
La ricerca ortopedica si è evoluta tanto che oggi è possibile eseguire interventi di chirurgia protesica con tecniche mininvasive
Quando il dolore diventa persistente, il ricorso alla chirurgia mini-micro minivasiva rappresenta una soluzione rapida ed efficace
Un’importante innovazione volta a rendere le operazioni alla colonna vertebrale meno invasive, meno dolorose e con una degenza più veloce. 
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
Rosanna Banfi
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico