Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia ostetricia e urologia  

La sintomatologia e diagnosi dei fibromi all'utero

Dott.ssa Antonella Agnello - Ginecologa a Padova
Dott.ssa Antonella AGNELLO
 23 Gennaio 2017

La sintomatologia e diagnosi dei fibromi all'utero

I leiomiomi sono in genere asintomatici, ma dipende dalla posizione, numero e dimensioni dei fibromi. Visita ginecologica ed ecografia confermano la diagnosi.

La maggior parte dei fibromi è asintomatica; non è raro, infatti, che siano scoperti per caso durante una visita ginecologica ma, nel 30% circa delle pazienti in particolare nelle donne che non hanno avuto gravidanze, sono presenti sintomi quali menorragie e dolore pelvico

La presenza e il tipo di sintomatologia sono legati alla posizione del fibroma, al numero e alle dimensioni. Quando producono una compressione agli organi vicini (vescica, ureteri e intestino), possono manifestarsi con sintomi dell’organo compresso quali disturbi nell’urinare o stitichezza. In alcuni casi, le pazienti con miomi uterini possono presentare infertilità, aborti ricorrenti o parti prematuri. 


La diagnosi dei miomi uterini

La diagnosi è clinica: la visita ginecologica è generalmente in grado di diagnosticare fibromi di medie e grandi dimensioni, con l’apprezzamento di un utero aumentato di dimensioni, spesso irregolare, mobile e non dolente.

La conferma è strumentale e l’ecografia è l’indagine di primo livello, seguita dall’isteroscopia e, in casi selezionati, dall’isterosalpingografia e dalla Risonanza Magnetica Nucleare (RMN). Le indagini consentiranno di definire con maggiori dettagli il numero, la localizzazione e le dimensioni dei fibromi, informazioni utili per decidere il successivo eventuale approccio terapeutico medico o chirurgico.

Social
Altro dal blog
Il fibroma all’utero è una patologia tumorale benigna, spesso asintomatica, che si manifesta durante l'età fertile. Come influisce sulla funzione riproduttiva?
UNA PROTEINA SPIA INDICA LA PRESENZA DELLA MALATTIA
I FATTORI DI RISCHIO PIÙ ELEVATI SONO OBESITÀ E STARE SEDUTI A LUNGO
Vuol dire che è in buono stato di salute
Valida alternativa all'intervento chirurgico tradizionale quando la terapia medica non sia sufficiente, permette di conservare l'utero e non lascia cicatrici.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico