MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ortopedia   Salute e benessere  

La scoliosi, inaspettata compagna di viaggio

Dott. Stefano Giacomini - Ortopedico
Dott. Stefano GIACOMINI
 11 Marzo 2019

La scoliosi, inaspettata compagna di viaggio

Il sesso maggiormente colpito dalla scoliosi è femminile, con un rapporto femmine: maschi di circa 3:1.

La scoliosi consiste nell’alterazione, solitamente durante la fase della crescita, dell’asse della colonna vertebrale su più piani con flessione, rotazione e torsione che causano formazione progressiva di “curve” patologiche.

L’età d’insorgenza è variabile: infanzia, adolescenti, giovani ma anche adulti. 

 

Esiste solo una tipologia di “scoliosi”?

Assolutamente no, esistono vari tipi di scoliosi: la classica, cosiddetta idiopatica, cioè senza una causa ben definita, si riscontra in circa l’80% dei casi mentre nel restante 20% si dividono le congenite, sindromiche, neuromuscolari. La tendenza, purtroppo, è quella di generalizzare, ancora oggi, sotto il generico termine “scoliosi” una condizione, poco nota, che vede un’ampia gamma di possibili espressioni più o meno gravi e che andrebbe valutata caso per caso studiando attentamente ogni minimo indizio. L’obiettivo infatti è proprio quello di prevedere (o come dicevano gli antichi latini pre-videre: “ vedere prima”) il comportamento che la scoliosi avrà’ nel tempo, mettendo in atto le opportune “contromisure”.

 

Bisogna sempre avere un approccio terapeutico?

L’incidenza di una scoliosi che richieda un trattamento è di circa 0,3%. Fondamentale è la diagnosi precoce con l’aiuto dei genitori e del Pediatra, in particolare nei casi noti di “famigliarità” con eventuale invio allo Specialista con attivazione in tempi brevi di uno studio radiografico, una previsione di crescita ed un programma terapeutico personalizzato nel quale tutta la famiglia prende parte. La prima cura, però, rimane sempre una corretta informazione, con chiarimento di falsi “miti” e vecchie credenze e nell’impostare un lungo percorso di controllo e cura basato sulla collaborazione e fiducia reciproca.


 

Quando bisogna utilizzare il busto?

Nei casi opportuni il busto ortopedico personalizzato, associato a sana ginnastica, rimane ancora il principale strumento nel trattamento conservativo come “ingombrante” ma efficace alleato nel gestire la scoliosi, scomoda ed inaspettata compagna di viaggio. Un peso importante, in un trattamento ortesico quotidiano che può arrivare a 20 ore al giorno, per diversi anni, assume la componente psicologica, in particolare nei pazienti adolescenti dove le parole chiave  da trattare con attenzione sono: gruppo, moda,  scuola, diversità, estetica, sacrificio, aspettativa.

 

Quando è necessario un intervento correttivo?

Il trattamento chirurgico viene riservato ai casi più gravi o perché diagnosticati tardivamente o perché scarsamente responsivi al trattamento ortesico, previa valutazione con protocollo di studio specifico pre-operatorio.  Al contrario del trattamento ortesico nel quale si utilizzano ancora in buona parte gli stessi “strumenti” utilizzati, ahimè, dalle nostre nonne, in campo chirurgico si è assistito, negli ultimi 20-30 anni ad una progressiva evoluzione tecnologica degli strumentari e delle tecniche per il trattamento chirurgico delle scoliosi. Risultati un tempo impensabili  sono ora possibili, con un recupero post-operatorio molto veloce ed una riduzione dei rischi di una chirurgia comunque estremamente complessa.


Social
Dott. Stefano Giacomini - Ortopedico
Hai bisogno di un consulto in
Ortopedia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Stefano GIACOMINI    
Altro dal blog
Possibilità di pianificare al dettaglio l’intervento e ripresa più rapida i maggiori vantaggi
Dal tessuto adiposo arrivano le nuove biotecnologie per i tendini.
Se il mal di schiena o il dolore cervicale diventa persistente ed invalidante va presa in considerazione la chirurgia mini-invasiva o quella percutanea.
Una tecnica mini invasiva per ridurre i tempi post operatori.
Il controllo chiropratico in tenera età garantisce uno sviluppo bilanciato e stabile nel tempo.
Nel trattamento della scoliosi infantile intermedia, il ricorso ai busti gessati di nuova generazione consente di evitare un potenziale correttivo chirurgico.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico