MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Oculistica   Salute e benessere  

Difetti visivi elevati? Ora esiste una soluzione: le Lenti intraoculari ICL

Dott. Daniele Cannavò - Diagnosi e Microchirurgia Oculare
Dott. Daniele CANNAVÒ
 10 Maggio 2018

Difetti visivi elevati? Ora esiste una soluzione: le Lenti intraoculari ICL  (Implantable Collamer Lens)

Le lenti intraoculari ICL sono la soluzione perfetta per chi semplicemente trova fastidioso mettere e togliere le lenti

In quali casi non è possibile applicare il laser nella correzione dei difetti visivi

Senza alcun dubbio i vizi refrattivi con poteri elevati (miopie oltre le 9 diottrie, ipermetropie oltre le 6 diottrie, astigmatismi oltre le 3 diottrie) nonché le anomalie di spessore della cornea, quale l’assottigliamento corneale, rappresentano una controindicazione al trattamento fotoablativo refrattivo corneale; per tutti gli altri casi, poteri lievi o medi, in pazienti tra i 21 ed i 45 anni, ove esistono le condizioni, può essere applicato con sicurezza il laser ad eccimeri. Tuttavia, bisogna anche tener presente che il trattamento laser è un intervento correttivo sicuro ma che modifica irreversibilmente la curvatura e lo spessore corneale.

 

Qual è la novità per chi non è idoneo al trattamento laser, ma non vuole rassegnarsi a utilizzare per sempre occhiali o lenti a contatto

Tutti questi pazienti possono trarre giovamento dall'impianto di lenti intraoculari (IOL) fachiche ICL. Si tratta di lenti impiantabili a base di un copolimero di collagene detto Collamer. A differenza delle lenti a contatto che si applicano sulla superficie dell’occhio, le lenti ICL vengono posizionate all’interno dell’occhio, tra l’iride (la parte colorata dell’occhio) ed il cristallino (faco o lente naturale). Una volta inserite, le lenti rimangono in sede permanentemente. Se la vista dovesse drasticamente modificarsi nel tempo, possono essere rimosse o sostituite, senza che lo stato della cornea venga modificato. Il materiale è biocompatibile con l’occhio e fornisce una qualità visiva eccellente.
 

Come avviene l'intervento, in che tempi e con che tipologia di decorso

L’intervento viene eseguito in sala operatoria in regime di chirurgia ambulatoriale in anestesia topica; dopo l’instillazione del collirio anestetico, la durata dell’impianto è di circa 15 minuti ed indolore; il tempo di recupero è rapido. L’inserimento della lente avviene attraverso una piccolissima incisione corneale. Una volta inserita, il paziente non sentirà la lente, né avrà alcun disturbo; infatti non provoca secchezza oculare.
 

Qual è la percentuale di successo? Il paziente potrà davvero liberarsi dai suoi occhiali?

Oltre il 98% dei pazienti riporta una acutezza visiva di 10/10, ed il 100% dei pazienti vedono meglio rispetto a quando indossavano lenti a contatto od occhiali. È possibile correggere miopie fino a 20 diottrie, ipermetropie fino a 10 diottrie, ed astigmatismi fino a 6 diottrie: in questi casi, il paziente può effettivamente liberarsi dai suoi occhiali. Dato che le IOL fachiche ICL non alterano in alcun modo il tessuto corneale, la procedura può essere appropriata anche per chi ha cornee sottili. Non possono essere sottoposti a questa procedura coloro che soffrono di glaucoma, irite, retinopatia diabetica e malattie autoimmuni. Le lenti fachiche ICL contengono un agente bloccante le radiazioni UV, e proteggono pertanto i fotorecettori retinici dai danni da UVA e UVB.


Social
Dott. Daniele Cannavò - Diagnosi e Microchirurgia Oculare
Hai bisogno di un consulto in
Oculistica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Daniele CANNAVÒ    
Altro dal blog
Fino all’11 ottobre visite gratuite presso il Centro di Medicina delle due città venete
La miopia è il difetto di vista più frequente al mondo e in Italia ne è affetto indicativamente il 25 % della popolazione.
Rimodellando la cornea, si correggono i difetti di refrazione.
La soluzione di alta qualità più rapida e più sicura per la vista.
Soluzioni altamente tecnologiche per eliminare l’uso degli occhiali nel 96% dei casi dopo l’intervento alla cataratta.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 35 | ESTATE 2019 Antonio Cairoli
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico