Loading...
MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Laser   Oculistica   Salute e benessere   Tecnologia  

Cross Linking accelerato: il laser che sconfigge il cheratocono in 19 minuti

Dott. Claudio Genisi - Oculista
Dott. Claudio GENISI
 01 Maggio 2020

Cross Linking accelerato: il laser che sconfigge il cheratocono in 19 minuti - Dott. Claudio Genisi

Con la nuova tecnica si evita il trapianto della cornea per guarire da questa patologia

La deformazione della cornea può portare al peggioramento della vista, sino alla
sua perdita. La tecnologia di ultimissima generazione permette di porvi rimedio in un “battito di ciglia”.


Dottore, che cos’è il cheratocono?
È una malattia oculare che coinvolge la cornea assottigliandola progressivamente e deformandola fino a causare la perdita della vista. Insorge spesso in giovane età, praticamente sempre bilateralmente.

Quali sono i principali sintomi per riconoscerlo?
I sintomi sono inizialmente la comparsa di una semplice miopia o, più spesso, un astigmatismo: solamente una visita medica accurata e l’esecuzione di un esamestrumentale, chiamato tomografia corneale, riescono ad evidenziarlo. Da qui la necessità di rivolgersi sempre ad un medico oculista per ogni difetto visivo, pena il rischio di una mancata o tardiva diagnosi.

Se non viene diagnosticata in tempi brevi, quali possono essere le conseguenze?
La tempestività della diagnosi è essenziale per poter bloccare una malattia che, altrimenti, porta inesorabilmente al trapianto di cornea.

In che modo si può curare?
Da pochi anni esiste una tecnica parachirurgica che permette di bloccare la malattia, chiamata Cross Linking (CXL), che consiste nell’applicazione sulla cornea di una sostanza, la riboflavina, e della sua attivazione tramite un laser ad ultravioletti. Questo metodo si è evoluto fino a permettere oggi, con una procedura accelerata ed un laser potenziato, di svolgere l’intervento in soli 19 minuti!


Come viene eseguito il Cross Linking?
Al paziente sdraiato sul letto operatorio del laser viene applicato un collirio anestetico e poi alcune gocce di Riboflavina, che penetra lentamente nel tessuto corneale in 10 minuti. A quel punto il soggetto viene invitato a fissare una luce laser per 9 minuti: la riboflavina si “attiverà” e l’intervento sarà concluso.

Si avverte dolore durante la procedura?
L’intervento è praticamente indolore: il paziente viene subito dimesso e dovrà seguire una terapia a base di antidolorifici e colliri antinfiammatori. Il Cross Linking, in questa sua ultima evoluzione, blocca praticamente sempre la malattia, scongiurando il trapianto. In alcuni casi la patologia non solo viene bloccata, ma con una variante che utilizza un secondo laser (laser ad eccimeri), si riesce ad ottenere un aumento della capacità visiva rispetto alla preoperatoria.

Cos’è necessario per l’ottima riuscita dell’operazione?
È essenziale poter disporre di un laser di ultima generazione, di caratteristiche evolute e di potenza maggiore rispetto alle versioni precedenti. Il Centro di medicina si è dotato di questa nuova versione di laser da circa 6 mesi, perché la velocissima evoluzione della tecnologia impone un continuo aggiornamento. Cheratocono... addio!
 

L’intervento è praticamente indolore e blocca la malattia scongiurando il trapianto della cornea

Social
Dott. Claudio Genisi - Oculista
Hai bisogno di un consulto in
Oculistica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Claudio GENISI    
Altro dal blog
Fino all’11 ottobre visite gratuite presso il Centro di Medicina delle due città venete
Il Cross linking, grazie alla tecnologia si può evitare il trapianto di cornea.
Se ne discuterà con il dottor Claudio Genisi alle 20:45 di mercoledì 20 maggio in diretta streaming dalla Pagina Facebook del Comune di Villorba in collaborazione con Centro di Medicina.
L’evoluzione delle tecnologie utilizzate per il trattamento della cataratta consente oggi di correggere, con un unico intervento, anche i difetti visivi preesistenti.
IL CROSS-LINKING
Quando il dolore diventa persistente, il ricorso alla chirurgia mini-micro minivasiva rappresenta una soluzione rapida ed efficace
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 39 | AUTUNNO 2020
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico